Hillary Clinton malata di Parkinson: sono solo speculazioni?

Hillary Clinton, candidata democratica alle prossime presidenziali americane sarebbe gravemente malata. Addirittura c’è chi parla del morbo di Parkinson.

Sulla stampa americana in questi giorni, infatti, si sta facendo strada questa che, a seconda di chi la guarda, viene giudicata un’incredibile rivelazione, una squallida menzogna o un allarmante presagio. Debolezza, tosse, momenti di confusione, dolori muscolari. Vuoti di memoria. Sarebbero questi gli inquietanti indizi che porterebbero a questa infausta diagnosi. Va detto che si tratta di sintomi comuni a una moltitudine di patologie. Senza contare che stiamo parlando di una persona che da mesi sta girando gli Usa in lungo in largo per promuovere la sua candidatura nella speranza di diventare il prossimo presidente degli Stati Uniti d’America. Un po’ di stanchezza gliela vogliamo concedere? Eppure c’è chi ne è convinto: Hillary Clinton, 68 anni, soffre di una malattia talmente grave che pregiudicherebbe non solo la corsa alla presidenza, ma persino un qualunque incarico di responsabilità. Addirittura.

Quel che si sa sullo stato di salute della candidata dem è che nel 2012, a seguito di una brutta caduta, le si è formato un coagulo di sangue al cervello. E che soffre di ipotiroidismo (patologia che, va detto, spiegherebbe la gran parte dei sintomi senza per forza dover scomodare il morbo di Parkinson.

Ciononostante, sono in molti a sospettare che i media americani stiano nascondendo la verità sulla Clinton per allontanare preoccupazioni – e, soprattutto, scoraggiare i voti – sulla sue reali condizioni di salute, in modo da permetterle di arrivare alle elezioni di novembre. A supporto di questa tesi sono stati persino interpellati importanti neurologi e medici che si sono prodigati in consigli non richiesti, rigorosamente davanti ai media assetati di scoop e polemiche.

Aggiornamento 12 Settembre 2016, ore 8:00 >> La polemica si alimenta: Hillary Clinton ha partecipato alla commemorazione dei morti dell’11 settembre, a Ground Zero, a New York. Dopo un’ora di manifestazione, tra il caldo e l’umidità e, quasi sicuramente, il dover indossare un giubbotto antiproiettile, la candidata dem ha avuto un malore. Il video di lei che viene sorretta da un’assistente perché non in grado di reggersi sulle proprie gambe ha fatto il giro del mondo.

Il suo medico personale, la dottoressa Lisa Bardack, che l’ha visitata e ha in seguito diffuso un breve comunicato sulle sue condizioni di salute: “Hillary Clinton soffre di una tosse causata da alcune allergie. Venerdì, durante una visita di controllo per il suo disturbo, le è stata diagnosticata una polmonite. Le è stata prescritta una terapia a base di antibiotici, e le è stato consigliato di riposare e di modificare la sua agenda. Durante l’evento di questa mattina, si è disidratata e ha avuto un colpo di calore. L’ho visitata poco fa: è nuovamente idratata e si sta riprendendo normalmente“.

Gli americani non l’hanno presa bene e, c’è da scommettere, se ne ricorderanno nelle urne.

Aggiornamento 12 Settembre 2016, ore 13:00 >> Hillary Clinton ha annullato il viaggio elettorale in California. Secondo quanto riportato dal Los Angeles Times, la Clinton avrebbe dovuto incontrarsi con gli organizzatori delle raccolte di fondi e registrare un intervento televisivo. Resterà a casa per curare quella che ufficialmente è una polmonite.

 

Articoli correlati

*

Top