Nainggolan polemico: “Abbiamo bisogno del tifo anche senza Totti”

nainggolan
Nainggolan

Radja Nainggolan non è certo uno che le manda a dire. Non ha gradito gli elogi della stampa, dei tifosi e dell’allenatore, riservati solo ed esclusivamente a Totti dopo la vittoria contro la Sampdoria.

Lo ha fatto presente senza farsi problemi, criticando, in maniera nemmeno troppo velata, le dichiarazioni di Spalletti nel post gara. “Senza Francesco manca un leader nella Roma”.

Parole che hanno fatto storcere il naso al belga, che un calciatore carismatico ci si sente eccome nella squadra giallorossa. “Io mi sento un leader, anche per il modo di giocare e per come entro sempre in campo”, ha risposto ieri il centrocampista in occasione della presentazione della terza maglia. “Il problema è che noi abbiamo bisogno del sostegno dei tifosi anche quando non gioca Totti”. Per i seguaci del Capitano, queste parole non avranno di sicuro fatto piacere. Ma, come dice il Ninja “questo purtroppo è un dato di fatto. Mi chiedo perché nel primo tempo, quando eravamo sotto, si sentivano solamente fischi e mormorii. Con l’ingresso di Francesco è cambiata la marcia in tutti quanti, perché la spinta dei tifosi è stata due, tre volte superiore”.

Sbaglia Nainggolan ad affermare ciò? Oppure è questa la realtà dei fatti? Certo è che ha espresso un suo malumore, anche se questo non dovrebbe comunque compromettere la questione del rinnovo contrattuale.

“Sto bene qui e avevo già deciso di rimanere, indipendtemente dal rinnovo”.

Articoli correlati

*

Top