Lazio-Pescara: attenzione alla “trappola” 

Oggi pomeriggio, ore 18, stadio Olimpico: Lazio contro Pescara.

Una partita fondamentale per i ragazzi di Inzaghi così come per quelli Di Massimo Oddo che dunque sfiderà il suo passato. Con tantissimi ex romanisti in rosa con gli abruzzesi

Attenzione però ai tifosi pescaresi. 

Tra le due squadre regna un’antica rivalità, trentennale, che non si è mai placata. È questo non è certo un segreto.

Trasferta dunque vietata per gli abruzzesi? No, affatto. Apertissima. Via libera per raggiungere la Capitale per i quasi 2000 supporter pescaresi, che si sono anche “spartiti” una t-shirt con la scritta “Lazio M….”.

Partendo dal presupposto che, se una persona sottoscrive la tessera del tifoso (strumento diventato necessario per seguire la squadra fuori casa), dovrebbe aver diritto ad andare in trasferta come e quando vuole, spiegateci peró quali sono i criteri utilizzati. E chi e in base a che, stabilisce di “chiudere” il settore ospiti. Alcune partite vengono giudicate ad altro rischio (erroneamente), altre no.

Con i rigidi controlli che ci sono ora (soprattutto allo stadio Olimpico) e visto che si millanta un’attenzione maniacale nei confronti degli ultras, Lazio-Pescara sarebbe dovuta essere una trasferta vietata per gli abruzzesi.

Speriamo non sia il più classico dei “trappoloni” nei confronti dei sostenitori biancocelesti. Con l’auspicio che non venga in mente a nessuno di “favorire” gli scontri per poi punire i tifosi laziali per l’ennesima volta.

Articoli correlati

*

Top