Jimmy Savile: il dj pedofilo, maniaco, necrofilo e pervertito…

Jimmy Savile

…Per anni considerato una star in Gran Bretagna

Pedofilo, maniaco, necrofilo, pervertito. Questi (i meno offensivi) e tanti altri gli appellativi per Jimmy Savile, il dj della “Bbc” (deceduto nel 2011), al centro di uno dei più grossi scandali della storia della Gran Bretagna (“Operation Yewtree”, il nome dell’inchiesta). Nell’ottobre del 2012 un’indagine sulla pedofilia di Scotland Yard lo aveva accusato di aver abusato di molti ragazzini, tra cui diversi minorenni, durante i suoi quarant’anni di carriera. La Bbc, sospettata di aver insabbiato lo scandalo, ha dovuto affrontare una delle crisi d’immagine più gravi della sua storia.

Ma adesso, un anno e mezzo dopo lo scandalo che ha choccato l’Inghilterra, emergono nuovi raccapriccianti elementi sugli abusi compiuti da Jimmy Savile. Che avrebbe molestato e stuprato in cinquant’anni oltre 200 persone, il 73% delle quali aveva meno di 18 anni. Uomini, donne, bambini ed anziani. L’ex dj, non solo avrebbe commesso atti di pedofilia e violenza sessuale all’interno del suo ambiente televisivo (poco dopo la sua morte si scoprì che negli anni gloriosi aveva trasformato i camerini della “Bbc” in una trappola per giovani fan), ma anche presso numerose strutture sanitarie pubbliche. Savile, che per decenni ha avuto libero accesso a diversi ospedali britannici per portare avanti la sua attività di volontariato, avrebbe abusato sessualmente e senza sosta di pazienti, personale infermieristico e perfino cadaveri. Secondo un testimone, il dj-maniaco sessuale si sarebbe anche vantato di aver trasformato in gioielli (degli anelli in particolare) occhi di vetro rubati da alcuni corpi in un obitorio

Il primo crimine risalirebbe al 1962, quando il presentatore aveva 36 anni, e il più recente al 2009, quando ne aveva 82. Il capo dell’unità anti-pedofilia di Scotland Yard, David Gray, ha sottolineato che Jimmy Savile “impiegava ogni momento di ogni giorno pensando alla sua perversione e, sfruttava ogni opportunità che gli capitasse”.

Intanto, il governo britannico ha fatto sapere che gran parte del patrimonio della Bbc verrà usato per risarcire le vittime e, qualora non bastasse, ci penserà personalmente.

Saville, il mostro che da “eccentrico gioiello e star nazionale si è dimostrato essere niente altro che uno stupratore e un pedofilo”, ha detto un portavoce di Downing Street. E pensare che il dj era stato anche insignito del titolo di Ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico nel 1971. E, nel 1990, Papa Giovanni Paolo II lo ha fatto Cavaliere dell’Ordine di San Gregorio Magno per le opere di bene ed il volontariato compiuto. Ecco quando si dice “prendere una cantonata”…

Articoli correlati

4 Commenti

  1. Pingback: La nervosa corsa dei grandi media a screditare il ‘Pizzagate’. |

*

Top