Muccioli jr.: da San Patrignano al ristorante a scarto zero

muccioli evviva

È il percorso di chi non molla quello di Andrea Muccioli, figlio di Vincenzo, fondatore della storica comunità di recupero per tossicodipendenti a Coriano, in provincia di Rimini.

Nel racconto di Jenner Meletti, apparso ieri su La Repubblica, viene illustrata la modalità con cui la famiglia Muccioli è stata vittima di una vera e propria damnatio memoriae nella comunità di San Patrignano. L’estromissione è avvenuta in maniera molto poco serena e, oltre ad allontanare Andrea Muccioli dalla gestione della comunità, ha riguardato anche la traslazione della tomba del padre.

I responsabili di questa grave rottura hanno dei nomi e un cognome: quello dei Moratti. Andrea Muccioli non lo dice esplicitamente, ma il riferimento è chiaro quando parla di “finanziatori storici” e di quella signora, Letizia Moratti, “che mi ha fatto mollare e si presenta come cofondatrice: è un furto di identità”.

La modalità della cacciata dalla comunità ha i contorni di una vera e propria “trappola”. Prima i finanziatori che chiudono i rubinetti, poi il ricatto e la diffamazione: “Al telefono in viva voce, davanti a me, circondato da centinaia di operatori, le accuse di spreco, di arricchimento personale… o se ne va Andrea o ce ne andiamo noi e voi restate con lui e con i debiti”.

Andrea Muccioli, con moglie e tre figli, non si è certo dato per vinto. Proprio sulla lotta agli sprechi ha fondato il ristorante che gestisce a Riccione: “Scarto zero – si legge nel sito di Evviva – significa saper utilizzare e trasformare il più possibile anche parti dei prodotti che normalmente vengono scartate. Imparare a sprecare il meno possibile, utilizzando ogni materia prima nella propria integrità e interezza, e non solo per la sua parte più nobile”.

Cerco di guardare le cose con gli stessi occhi di mio padre – spiega meglio Andrea Muccioli – andare oltre l’apparenza, cercare il bello e il buono rimasti nelle persone che altri giudicano fallite, violente, prive di dignità. Insomma, scarti sociali”.

Articoli correlati

*

Top