Ama e Atac: ancora uno sciopero, ancora di venerdì

atac

Ci risiamo. Un’altra volta. Indovinate un po’, cosa è in programma per venerdì? Uno sciopero, l’ennesimo, indetto da Ama e Atac per il fine settimana. Una strategia studiata ad hoc (l’alternativa comoda è il lunedì) per magari trascorrere un lungo week end.

E a rimetterci chi sono? I romani, i turisti e, soprattutto, la Capitale che così, per sabato e domenica, avrà  strade sporche, secchi strapieni di spazzatura e disagi generali dovuti al traffico.

Roma si appresta, dunque, a vivere un altro venerdì di “passione”, nel caos generale, con la partita dei giallorossi che giocheranno allo stadio Olimpico e con altre manifestazioni fissate per il fine settimana. Trasporti e rifiuti (la raccolta ripartirà solo lunedì prossimo), Atac e Ama, uniti appassionatamente per scioperare.

E pensare che Roma viva di questi problemi quotidianamente. Figuriamoci con lo sciopero (si prevede un’adesione massiccia del 70%). Le due maxi municipalizzate avevano poi già deciso di fermarsi solamente una settimana fa, il 15 novembre. Facendo un rapido calcolo, contando quello di venerdì, sono già 11 gli stop dei servizi indetti da Atac da inizio 2016. Praticamente una volta al mese.

“Non era il momento storico per farlo ancora”, ha ammesso Micaela Quintavalle, l’autista grillina a capo del sindacato “Cambiamenti”. E allora perchè lo hanno indetto?

Intanto, la Capitale rischia seriamente di ritrovarsi nuovamente nel baratro. Senza bus, filobus, tram, ferrovie regionali e, forse, metro. Si salvi chi può.

Articoli correlati

*

Top