Football Leaks: ecco come i big del calcio nascondono al fisco i loro soldi

Football Leaks

E’ una bomba in procinto di scoppiare quella di Football Leaks, l’inchiesta su calcio e paradisi fiscali.

A portarla avanti è l’Eic (European Investigative Collaboration), una rete di 60 giornalisti di tutta Europa che stanno indagando su dove vadano a finire fiumi di denaro e perché vengano messi al riparo dal fisco di vari Paesi.

Football Leaks racconta di conti offshore tra i cui intestatari ci sarebbero familiari di top player, giocatori stessi e allenatori della fama di José Mourinho. In milioni di file (di cui parlano la testata spagnola “El Mundo” ed il tedesco “Der Spiegel”), si troverebbero infatti le prove di strani giri di denaro.

José Mourinho, per esempio, avrebbe nascosto sostanziosi proventi della sua attività in Nuova Zelanda, utilizzando conti intestati alla moglie. I soldi sarebbero stati prima destinati alla società Koper Services, detentrice dei suoi diritti d’immagine, con sede nelle Isole Vergini Britanniche, noto paradiso fiscale nei Caraibi. In seguito sarebbero stati trasferiti in Nuova Zelanda, dove l’allenatore portoghese ha allestito il Kaitaia Trust, una fondazione di cui sono beneficiari la moglie e i figli. Nulla più che un nuovo contenitore dove viene svuotato ciò che arriva alla Koper Services, e un modo utile per pagare, sui quei soldi, solo il 6% di tasse.

Il manovratore di tutta la faccenda sarebbe il potentissimo procuratore sportivo Jorge Mendes, anch’egli portoghese, che tutela gli interessi (tra gli altri) del lusitano Cristiano Ronaldo. Che dal canto suo avrebbe “nascosto” qualche decina di milioni di euro per schermare i suoi proventi derivati dai diritti di immagine.

Ad essere coinvolti sarebbero anche altri club (tra cui alcune società italiane). In un’inchiesta che già fa rumore dopo aver mosso i suoi primi passi.

 

Articoli correlati

*

Top