Il più antico coffee-shop di Amsterdam chiuderà a fine anno

Coffee-shop

Lo ha deciso il governo olandese nell’ambito di un progetto più grande, che tende a limitare l’attività dei coffee-shop.

Mentre in Italia si discute se legalizzare o meno le droghe leggere, in Olanda il governo ha ordinato la chiusura del “Mellow Yellow”, il più antico coffee-shop di Amsterdam, assieme ad altri 28 locali simili.

Il motivo è lo stop di tutti gli esercizi che vendono “erba” che si trovano a meno di 250 metri da una scuola. Il tanto decantato modello olandese perde colpi e le autorità, visto l’effetto dell’estrema facilità con cui i giovani possono accedere ad un coffee-shop, hanno decretato la chiusura di alcuni di essi, facilmente raggiungibili.

Così anche il “Mellow Yellow” sarà costretto a chiudere i battenti a fine anno. E con esso se ne andrà via un pezzo di storia, dal momento che stiamo parlando di una istituzione che con il celeberrimo “Bulldog Coffeeshop nr. 9o” si contende l’egemonia già dalla fine degli anni ’60.

Johnny Petram, gestore del locale, giudica la decisione del governo sconcertante ed immotivata, dal momento che la scuola più vicina al “Mellow Yellow” è un istituto per coiffeur e la maggior parte degli apprendisti ha più di 18 anni. “Vogliono chiudere il più antico coffee-shop della città a causa di una scuola di parrucchieri”, ha dichiarato. “Da anni servo migliaia di persone, turisti e residenti. Perfino gli israeliani e i palestinesi quando vengono qui, fumano assieme (che cosa romantica, ndr). Entra anche tanta gente che non ama la marijuana, vogliono solo farsi qualche foto. Si tratta di un luogo storico di Amsterdam, bisognerebbe preservarlo, non chiuderlo”.

Se le autorità olandesi (notoriamente molto tolleranti) hanno preso un provvedimento del genere, un motivo (crediamo) c’è. E questa è l’ultima decisione, in ordine di tempo, tesa a limitare l’attività dei coffee-shop.

Da tempo viene infatti scoraggiato il “turismo del fumo”, proibendo in tanti coffee-shop l’ingresso ai non residenti. Che i politici olandesi non siano più tanto convinti del loro “modello” ed operino una sorta di dietro-front, tentando di allontanare i giovani dai locali dello sballo?

 

Articoli correlati

Un Commento

  1. Gigi said:

    Molto probabilmente i politici olandesi hanno capito che guadagnavano di più con il mercato nero (come succede in italia).

*

Top