Stefano Cucchi e il post commovente della sorella Ilaria 

Una famiglia che aspetta ancora giustizia. Un caso sul quale ci sono ancora troppi punti oscuri da chiarire.

Una vicenda quella di Stefano Cucchi che ha colpito le coscienze e i cuori di ognuno di noi, perché ci siamo subito resi conto che epilessia, tossicodipendenza e altre cause non c’entravano con la sua morte.

Ieri la sorella, Ilaria, ha pubblicato un post su Facebook molto toccante, malinconico. Un post sul Natale che sta per arrivare, un grido di giustizia che ha commosso migliaia di persone.

“Abbiamo fatto l’albero.

Quanto ti piaceva Stefano fare l’albero di Natale.

Quest’anno ci siamo impegnati proprio, sei con me più degli altri anni passati senza di te. Quest’anno l’albero che abbiamo fatto è proprio bello, luccica… è grande e fa allegria ai miei figli… ma non a me…

Mi manchi ma mi sento meno in colpa. Siamo vicini alla verità. Fratello mio. Sento che ci siamo, sento che avrai giustizia. Il prezzo che abbiamo pagato in questi anni è stato alto ma tu hai pagato per tutti noi…

Si scrivono libri, si faranno film ma io vorrei cancellare tutto questo in un solo attimo con la tua presenza. Il vuoto che hai lasciato in me, nella buona e nella cattiva sorte, è freddo, buio ed incolmabile. Non vorrei parlare mai più di udienze, di perizie, di processi, di articoli, di manifestazioni, di film. L’unico vero film è la tua morte. 

Guardo il nostro albero che tanto fa felici i miei figli e provo rabbia nei confronti di me stessa perché non riesco, non posso e non voglio gioirne.

Tu sei mio fratello. Non mi stanco di dirlo a tutti. Tu sei mio fratello ed io spero che da lassù, guardando il mio albero, non mi rimproveri per non averlo fatto come tu volevi.

Stefano Cucchi è mio fratello. Ma Stefano Cucchi non c’è più. Questo solo conta.

Guarda il nostro albero Stefano… guardalo perché l’abbiamo fatto anche per te.

Avrai giustizia Stefano. L’avrai perché nessuno possa pensare che la tua vita non valesse niente… l’avrai, te lo assicuro. 

Stai con me fratello mio.

Ilaria”.

Articoli correlati

2 Commenti

Rispondi a luca de santis Annulla risposta

*

Top