Firenze: gli affari del ribelle Piero Pelù, in società con l’assessore renziano

Dopo la storiella della matita cancellabile al seggio elettorale, non finiscono le gaffe per Piero Pelù: da icona della ribellione rock all’italiana – prima antiberlusconiano poi antirenziano – a immobiliarista socio in affari di Silvano Gori, tra i principali sostenitori e finanziatori dell’ex premier Matteo Renzi.

“Partono tutti incendiari e fieri, ma quando arrivano sono tutti pompieri”, cantava Rino Gaetano. Pompieri sì, e diventano pure immobiliaristi di lusso. Hai voglia tu a sbeffeggiare il segretario del Partito Democratico definendolo il “boyscout di Licio Gelli”. Alla fine, davanti ai soldi, non si guarda in faccia a nessuno.

E così succede che gli amici del peggior nemico diventino molto più che amici: addirittura soci in affari. I nomi di Pietro “Piero” Pelù e quello di Silvano Gori (responsabile del commercio ai tempi della giunta Domenici) appaiono assieme a quelli di Paolo Gori e Paolo Lanini, nella società “Calzaiuoli real estate”, che da un anno è proprietaria del palazzo di via Calzaiuoli, acquistato da Generali.

Dodici appartamenti di superlusso nel cuore del centro storico, come ha riposrtato Repubblica. Dimensioni medie circa cento metri quadrati, allestimenti di charme e panorama mozzafiato visto che l’immobile in questione è proprio in via Calzaiuoli, civico numero 3, ai piani alti del palazzo all’angolo di via Orsanmichele.

La cifra della ristrutturazione si aggira intorno ai 10 milioni di euro: i lavori saranno affidati allo studio di ingegneria Passaleva e associati, già ingaggiata la ditta di costruzioni.

A complicare le cose ci sarebbero i tre banchini degli ambulanti che ostacolano l’allestimento del ponteggio. Niente paura: con ogni probabilità verranno spostati sul lungarno Pecori Giraldi, nonostante le proteste dei titolari. I piani coinvolti dall’operazione immobiliarista sono il terzo e il quarto: entro il 2017 vedrà la luce una dozzina di appartamenti di lusso nasceranno e saranno messi sul mercato da Progenia, società di Giovanni Belloni.

E chissà quanti nomadi, omaggiati da Piero Pelù col pezzo Lacio Drom, troveranno ospitalità in questi appartamenti di lusso nel pieno centro di Firenze.

Articoli correlati

Top