Vodafone e Fastweb: procedimenti dell’Antitrust per clausole vessatorie

Sono stati avviati dall’Antitrust, l’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato, i procedimenti contro le compagnie Vodafone e Fastweb dopo le modifiche sulle clausole dei contratti degli utenti.

“Le clausole descritte, in sé, e/o nel contesto dell’intero testo delle Condizioni generali – si legge sul sito dell’Antitrust – appaiono vessatorie ai sensi degli articoli 33, commi 1 e 2, lettera m), del Codice del Consumo in quanto tali da determinare, a carico del consumatore, un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto. I profili di vessatorietà rilevati sembrano permanere anche sulla base della lettura e dell’interpretazione delle clausole alla luce del contesto complessivo dell’intero contratto per adesione in cui sono inserite.”

Secondo l’Antitrust, dunque, queste clausole sarebbero vessatorie per i consumatori che in questo modo sosterrebbero degli obblighi superiori al normale equilibrio contrattuale. Ora quindi l’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato vuole chiarire è se le modifiche introdotte dai due operatori Vodafone e Fastweb nei contratti già accettati dai consumatori rendano gli stessi eccessivamente sconvenienti per gli utenti.

A questo scopo l’Antitrust ha comunicato che “Entro il termine perentorio di trenta giorni dalla pubblicazione del presente comunicato i soggetti interessati possono prendere parte alla consultazione per iscritto”.

Il prossimo passo, dunque, spetta a Vodafone e Fastweb che dovranno inviare tramite email i loro commenti in merito ai procedimenti avviati. Il materiale prodotto sarà acquisito come prova, ma per questioni di privacy non potrà essere diffuso.

Articoli correlati

*

Top