Lazio: “Il Giornale” di Milano esalta i biancocelesti

“Il Giornale” che non ti aspetti. Quello che dovrebbero fare i quotidiani romani (Il Tempo escluso che ci si impegna parecchio), lo hanno fatto quelli di Milano. Esatto, perché ieri, sul fogliettone di prima, il giornale lombardo ha titolato “Il piccolo capolavoro silenzioso della Lazio”.

Apriti cielo, sembrava quasi una visione la lettura di questo pezzo. Tra le altre cose scritto in maniera impeccabile, facendo venir fuori quanto il club biancoceleste non goda praticamente mai della stima dei media.

In silenzio, c’è la Lazio. Non si parla mai della squadra di Simone Inzaghi ed è un errore. Perché erano anni che non era così competitiva e invece sono mesi che questi gruppo funziona…“.

Davvero una bella sorpresa quella fatta da “Il Giornale” ai tifosi biancocelesti e un monito che dovrebbe servire ai quotidiani romani, Messaggero in primis (con le uniche eccezioni di Bernardini e Cassetta che si prodigano di continuo per portare avanti la causa laziale), per cambiare una linea editoriale troppo spesso romanista. D’altronde quando proprio editori, direttori e capi redattori sono dichiaratamente di fede giallorossa, diventa difficile essere obiettivi.

Ma che smacco che sia stato un quotidiano milanese a dare lustro in questo modo alla stagione fin qui disputata dalla Lazio.

“…In estate il presidente Lotito aveva pensato di cambiare, attratto dalla filosofia di Bielsa. Inzaghi se l’è trovato, quasi perché non sapeva più cosa fare dopo aver aspettato tanto e vanamente il sì dell’allenatore argentino. Ma proprio Inzaghi ha costruito una squadra senza grandi investimenti trasformandola in un gruppo che oggi ha aumentato immensamente il suo valore”.

Mica si chiedono proclami o altro dai giornali, anche perché da sempre la piazza biancoceleste vola bassa e non ama titoloni trionfalistici. Ma un po’ più di obiettività, quella ci vorrebbe di sicuro.

Articoli correlati

Un Commento

  1. Paolo said:

    Ma sempre dietro a juve milan inter roma e napoli arriveremo….o ci arriveremo una volta ogni dieci anni…per miracolo…
    Detto ciò, ovviamente, mi auguro la lazio seconda! Ma senza un mio cent!

*

Top