Sanremo, scandalo tangenti: coinvolti dirigenti e funzionari Rai (che censura la notizia)

Carlo Conti

Che in Rai vi fosse un sistema di gestione degli appalti di tipo “mafioso” era risaputo. Lo aveva scritto nella sua requisitoria il Pm Alberto Galanti sul caso dell’imprenditore Piero Di Lorenzo (LDM) che ne aveva denunciato le dinamiche, come riportato ampiamente da L’Ultima Ribattuta nel 2015. >>(leggi qui) e (qui) <<

Ma, ovviamente, quando si va a toccare un mostro sacro come Carlo Conti e un appuntamento storico per gli italiani come il Festival di Sanremo tutto assume un sapore di verso. Ma sempre cattivo. Come puntualmente descritto da La Verità, la Procura di Roma sta conducendo un’indagine che, al momento, conta 52 indagati tra funzionari, dirigenti e direttori della fotografia che hanno lavorato in Rai: le accuse vanno dall’associazione a delinquere all’appropriazione indebita, passando per turbativa d’asta, corruzione e concussione.

Avviso di garanzia anche allo scenografo Riccardo Bocchini (*) che, guarda caso, anche quest’anno si è occupato dell’allestimento del Teatro Ariston per il Festival di Sanremo: la terza volta consecutiva (senza contare le altre, una ventina, tra il 2014 e il 2015, tutte in prima serata su Raiuno). Ovviamente una risorsa esterna. Ovviamente pagata a peso d’oro. Alla faccia degli scenografi già dipendenti della Rai che evidentemente non sono altrettanto creativi (o forse sì, ma se non li facciamo lavorare non lo scopriremo mai).

Lo scandalo, ovviamente, chiama in causa i vertici della produzione di viale Mazzini che non hanno fatto i dovuti controlli (ma questo merita un discorso a parte). Vertici che forse sperano di cavarsela facendo volare gli stracci, cioè un mazzetto di licenziamenti. Provvedimenti che lasciano il tempo che trovano.

Caso strano l’articolo de La Verità non è stato inserito nella rassegna stampa di oggi della Rai. Tant’è che il consigliere Arturo Diaconale ha dovuto sollevare la questione inviandone comunicazione.

Il Festival di Sanremo inizierà la prossima settimana. Rinnoviamo l’invito a spegnere la televisione in occasione della kermesse (leggi qui), perché è uno spreco indegno di soldi (650mila euro il compenso di Carlo Conti) che, al solito, finiscono nelle tasche dei soliti “amici di”. Petizione che è stata fatta propria anche dal leader della Lega Matteo Salvini che ribadisce: «Di Sanremo non vedrò neanche un minuto […] Lo stipendio di Carlo Conti è una cosa assolutamente indegna […] È uno schiaffo in faccia a tanta gente». Impossibile (stavolta) dargli torto.


(*) RICHIESTA DI RETTIFICA

Riceviamo e pubblichiamo la richiesta di rettifica ricevuta da parte dell’Avv. John R. Paladini, difensore di Riccardo Bocchini: 

“Io sottoscritto Avvocato John R. Paladini a nome ed interesse del mio assistito Arch. Riccardo  Bocchini,  con riferimento agli articoli “Stecche a Sanremo Avviso di garanzia allo scenografo preferito di Conti” – “L’architetto a peso d’oro da 22 trasmissioni l’anno”, pubblicati sul giornale “La Verità”, edizione del 01/02/2017, laddove viene detto che l’Arch. Riccardo Bocchini sarebbe stato raggiunto da un avviso di garanzia, dichiaro e preciso che, ad oggi, il mio assistito non  ha ricevuto alcun avviso di garanzia.
Si precisa che il mio assistito non è stato mai ufficialmente informato di essere coinvolto in indagini.
Si dichiara altresì che l’Arch. Bocchini non ha commesso alcun illecito nei confronti della RAI. “

 


 

 

Articoli correlati

12 Commenti

  1. Pingback: 토토사이트

  2. Pingback: daftar 188bet

  3. Pingback: Tribot

  4. Pingback: Online Reputation Management specialists

  5. Pingback: pralnia ko³obrzeg

  6. Pingback: Rai, scandalo tangenti: perché i funzionari non hanno vigilato?

  7. Maurizio said:

    Guardate pure Sanscemo dove tutto è già deciso a tavolino dalle case discografiche……..e dalla De’ che lavora gratis :-):-):-).
    Come diceva Sordi in un famoso film:” la folla è femmina e gli piace essere fot..ta.

  8. MICHELE said:

    e lo penso anche io che questo festival farà entrare molti più soldi di quanti ne spendano come l’anno scorso diciamo. Anche se sono soldi pubblici almeno a quanto pare li spendono in cose educative e belle allo stesso tempo.

  9. MICHELE said:

    a me non interessa niente di quello che dicono, sono fatti loro. a me interessa vedere Sanremo nella sua importanza e splendore

  10. Julios1 said:

    Magari tutti questi soldi spesi porteranno delle entrate, è un progetto industriale come tanti altri.Trovo molto molto più indegno di questi tempi gli stipendi dei parlamentari in relazione a quello che fanno.

  11. Alberto said:

    Non so quanto prenda lei di stipendio, ma, vista la qualità di questo articolo, sicuramente è meno meritato di quello di Carlo Conti.

  12. Francesca said:

    Smettetela di fare tragedie e distruggere tutto. Questa sarà una bufala di sapore grillino. Siete tutti pieni di livore contro tutto e tutti. Io vedro’ senza vergogna Sanremo

*

Top