L’Italia non è un paese per vecchi: crescono tecnologia, e-commerce e video

Sempre più video, sempre più mobile, sempre più e-commerce. L’Italia si sta allineando agli standard della tecnologia internazionale e gli utenti del nostro paese sono sempre più “navigatori”.

Una ricerca di ComScore, riportata da Wired, ha elaborato l’uso e le abitudini sul digitale in Italia. “Aumenta la frequenza con cui vengono visti i video e il mobile gioca un ruolo sempre più fondamentale”.

Dunque, nel Belpaese, l’uso di Internet ha raggiunto un livello top? Sì, bene,  ma dalla ricerca si evince che si potrebbe fare ancora meglio per arrivare a “benissimo”.

In totale, sono 4,4 milioni gli utenti che ogni giorno guardano video dal proprio smartphone (più 12% rispetto al 2015) e sempre meno dal computer “fisso” (meno 5%).

Per quanto i due tipi di attività possano essere complementari, è sempre maggiore la fetta di popolazione che accede a internet solo da smartphone (+ 32% per cento di quello che la ricerca definisce “desktop audience”).
Ciò che interessa maggiormente agli utenti e “patiti” di tecnologia è: dove si concentra la popolazione digitale? In pochi lo avrebbero detto, ma ad aggiudicarsi il primo posto è Google Sites, seguito da Facebook e WhatsApp. 

E quali sono le app più scaricate?
In Italia oltre la metà del tempo viene trascorso sui social media e sulle app di messaggistica. “Prendendo in analisi gli smartphone Android, tra le 15 app più utilizzate in Italia ci sono WhatsApp, Google Play, YouTube, Facebook  seguito a ruota dal suo Messenger , Google Maps, Gmail, Instagram e Calendar. 
Gli italiani risultano tra i più fedeli delle applicazioni. Che significa? Che, una volta scaricate, le app non vengono più cancellate.

Infine, per quanto riguarda il commercio online, vendite e acquisti non hanno ancora raggiungo gli standard internazionali. C’è ancora una sorta di sfiducia nell’e-commerce, ma anche su questo settore la crescita é costante.

Articoli correlati

*

Top