Dieta senza glutine, allarme per esposizione a mercurio e arsenico

dieta senza glutine, glutine, gluten free, dieta, alimentazione

Per chi soffre di celiachia seguire una dieta senza glutine è l’unica alternativa. Ma per molti è una scelta dettata dal falso mito che offra vantaggi per la salute. Nulla di più lontano dalla verità.

Come spiega un gruppo di ricercatori della University of Illinois at Chicago (UIC), infatti, seguire una dieta senza glutine può aumentare il rischio di esposizione ai metalli tossici come mercurio e arsenico. La ricerca, pubblicata sulla rivista Epidemiology >>clicca qui<<, spiega come la causa principale sia il massiccio consumo di riso: questo cereale, infatti, sarebbe in grado di “bioaccumulare arsenico, mercurio e altri metalli tossici” dai fertilizzanti, così come dall’acqua e dal suolo.

Come spiega la dottoressa Maria Argos, che ha guidato lo studio, l’esposizione a queste sostanze aumenta il rischio di patologie tumorali e cardiovascolari. Nel corso dello studio sono stati analizzati i profili di 7471 persone che hanno preso parte, tra il 2009 e il 2014, alla National Health and Nutrition Examination Survey. Di questi sono stati selezionati 73 partecipanti, età compresa tra 6 e 80 anni, che seguivano una dieta senza glutine: questi presentavano il 70% in più di mercurio nel sangue e il doppio dell’arsenico nelle urine.

«Con la crescente popolarità delle diete gluten-free questi risultati possono avere importanti implicazioni per la salute dal momento che gli effetti di un’esposizione di basso livello ad arsenico e mercurio causata da fonti alimentari sono incerti, ma potrebbero incrementare il rischio di tumori e patologie croniche. Malgrado possiamo solo avanzare delle ipotesi, il riso potrebbe contribuire all’osservazione di alte concentrazioni di biomarcatori di metalli tra coloro che seguono una dieta senza glutine e scelgono il riso come sostituto principale nella scelta di prodotti gluten-free» – conclude la dottoressa Argos.

Dunque, a meno che non vi sia stata diagnosticata la celiachia da un medico, è opportuno non privilegiare una dieta senza glutine perché oltre ad essere inutile per la salute può rivelarsi pericoloso. Non dimentichiamo che, al netto di una vera patologia, ci troviamo davanti ad una moda: il business che ci gira attorno è enorme, e il settore cresce a doppia cifra ogni anno.

 

 

Articoli correlati

Un Commento

  1. jack said:

    Basterebbe fare una verifica su popolazioni che usano tradizionalmente il riso come fonte principale di alimento.
    Altrimenti significa che il riso coltivato in occidente è inquinato, ma questo è un altro problema anche se molto probabile.

*

Top