Fiumicino: sciopero dei lavoratori Simav, ex Aeroporti di Roma

simav

Tre giorni di sciopero sono stati proclamati dai lavoratori della Simav, ex Aeroporti di Roma, del comparto Manutenzione mezzi ed emergenze aeroportuali.

Nel 2012 la società che gestisce gli scali aeroportuali romani di Fiumicino e Ciampino realizzò una cessione del settore della manutenzione mezzi con 71 dipendenti che passarono alla Simav: da allora hanno denunciato una serie di mancate risposte “da parte di chi non si vuole assumere le proprie responsabilità”. Lo scorso dicembre si mobilitarono in difesa del proprio posto di lavoro, in occasione dell’inaugurazione del nuovo terminal dell’aeroporto di Fiumicino.

Così, oggi, i lavoratori Simav hanno annunciato le prime tre giornate di sciopero che da oggi si protrarranno fino mercoledì prossimo, dalle ore 08:30 alle ore 12:15. Durante l’orario dello sciopero di ogni giornata si terrà un presidio durante il quale si svolgerà la manifestazione dei lavoratori davanti agli uffici direzionali di Aeroporti di Roma.

Leggi anche Aeroporti di Roma: l’autunno caldo dei “manutentori mezzi ed emergenze”

“Queste prime tre giornate di sciopero – hanno dichiarato in un comunicato – sono la ferma risposta dei lavoratori ai recenti movimenti, non sempre chiari e trasparenti, che le Aziende stanno effettuando per spacchettare le attività finora svolte e che mettono in serio e concreto rischio il posto di lavoro di circa 70 famiglie”.

I lavoratori, inoltre, ci tengono a sottolineare che sono molto preoccupati per questa catastrofe annunciata, ma rispetto alla cessione di cinque anni fa, fanno sapere che questa volta non resteranno con le mani in mano e metteranno in campo tutte le iniziative necessarie a tutelare e difendere il loro sacrosanto diritto di lavorare.

Articoli correlati

*

Top