Rai: bluff-Carlo Conti, l’impiegato eroe è un dirigente da 6mila euro al mese

Altro che impiegato eroe: quello presentato da Carlo Conti e Maria De Filippi a Sanremo era un dirigente da 125mila euro all’anno.

Lo hanno fatto salire sul palco dell’Ariston come emblema di fedeltà al lavoro e attaccamento alle istituzioni pubbliche: così Salvatore Nicotra per gli italiani è diventaro un impiegato eroe. “In 40 anni di lavoro – ha affermato nello stupore generale – non mi sono mai assentato per una malattia: ho regalato al comune di Catania 239 giorni di ferie non godute”.

Bene, bravo, bis: nell’era dei fannulloni e dei furbetti, il Paese ha proprio bisogno di esempi di rettitudine. Peccato che la testata La voce delle voci abbia scovato il reale inquadramento di Salvatore Nicotra e le cifre guadagnate realmente da impiegato eroe lo hanno trasformato in ciò che realmente è stato, un dirigente ben retribuito.

“Nicotra – è quanto aveva riportato la testata Sud qualche anno fa – dal 1986 a oggi è stato direttore dell’Ufficio del Segretario generale e ha ricoperto, ad interim, la carica di direttore del settore Famiglia e Politiche sociali e dell’Ufficio traffico urbano, dall’ottobre del 2007 al febbraio del 2008, è stato anche Segretario generale reggente, presidente della Commissione edilizia e del Nucleo di Valutazione oltre che componente del Collegio di Difesa. Nicotra è stato anche direttore per due anni – dal 2003 al 2005 per nomina prefettizia – del Comune di San Giovanni La Punta, sciolto per mafia, e segretario generale dell’Istituto per ciechi Ardizzone Gioeni”.

Ci sarebbe da chiedere a Carlo Conti, dunque, cosa intenda esattamente per ‘impiegato eroe’. Ma forse sono troppe le incognite a cui deve far fronte il presentatore di Sanremo: da qualche mese, infatti, si trova alle prese con la vicenda dello scenografo a lui tanto caro, Riccardo Bocchini (leggi qui), tirato in ballo da David Biancifiori, il titolare dell’azienda- arrestato – che per anni ha fornito servizi per gli spettacoli Rai (leggi qui). Una volta finito in manette, Biancifiori ha raccontato il sistema corruttivo di viale Mazzini che provvedeva ad oliare, definito “omertoso” dallo stesso Pm.

In questo sistema, dunque, farebbe parte anche lo scenografo di Carlo Conti che il presentatore toscano ha provveduto a ringraziare pubblicamente dal palco di Sanremo. E chissà che il finto impiegato eroe non facesse parte della scenografia.

Articoli correlati

Un Commento

  1. anna silvestri said:

    Anche io, Anna Silvestri impiegata RAI dal 1970, ho lasciato 120 giorni di ferie e 70 giorni dei sabati lavorati e non recuperato.Se tornassi indietro non lo farei più, anche perché non è interessato a nessuno, e nessuno ti ringrazia. Quindi in seno all’Azienda ci sono anche altri eroi…nascosti.

*

Top