Smartfood: i cibi che allungano la vita e fanno anche dimagrire

Hanno il potere di regalarci anni di vita in più (in ottima salute) perchè influenzano il metabolismo. Li chiamano smart food e sono gli alimenti intelligenti.

Intelligenti perché inibiscono i geni dell’invecchiamento. Con gli smartfood è come se si digiunasse, ma si mangia. Le molecole della longevità sono sette: quercetina, resveratrolo, curcumina, antocianine, epigallocatechingallato, fisetina e capsaicina e si trovano in quantità abbondanti in tanti alimenti. Sì, ma quali?

Gli ingredienti smartfood sono 20 longevity, in grado di prolungare la nostra esistenza, e 10 protective, che proteggono l’organismo. Dei primi fanno parte le fragole, le melanzane e il cavolo cappuccio rosso, dei secondi i cereali integrali, i legumi, l’aglio, la frutta fresca e a guscio. Le antocianine sono presenti in 11 dei 20 smartfood longevity individuati, che sono: arance rosse, cavoli cappuccio rossi, ciliegie, fragole, frutti di bosco, melanzane, mele rosse, patate viola, prugne nere, radicchio rosso e uva nera. Proteggono tutto il sistema cardiovascolare: riducono la pressione alta, abbassano il colesterolo cattivo, LDL, e aumentano l’elasticità dei vasi sanguigni. Contrastano la produzione di sostanze infiammatorie, che sono alla base di altre patologie quali il diabete e tumori. Si devono mangiare, inotre, peperoncini e paprika piccante per assumere capsaicina, molecola con ottime proprietà antiage.

La curcumina, molecola presente nella curcuma, è in grado di inibire uno dei geni dell’invecchiamento, Tor che ha proprietà antinfiammatorie, contrasta l’insorgenza di diabete, malattie cardiovascolari e di tumori. Sembra anche che aumenti il colesterolo buono, HDL, nel sangue. Un consiglio è abbinarla al pepe, perché ne amplifica l’effetto, e all’olio extra vergine di oliva, che aumenta la biodisponibilità della molecola smart.

Tè verde e tè nero sono ricchi di epigallocatechingallato, una delle molecole che mima gli effetti del digiuno e protegge il sistema cardiovascolare. Mele, fragole e cachi invece sono ricchi di fisetina, altra molecola longevity. Fra le sue proprietà la protezione dell’apparato neurologico: sembra che preservi dai danni alla memoria e dalle malattie neurodegenerative. Per la mela, la concentrazione maggiore è nella buccia, e se sono rosse hanno anche le antocianine, come le fragole.

Un notizia meravigliosa è che anche il cioccolato fondente (almeno al 70%) contiene la quercitina, altra molecola che prolunga la vita e protegge la salute. Gli altri alimenti sono: asparagi, mele, capperi, cipolle e lattuga. Gli esperti consigliano di consumare non più di 30-40 gr al giorno di cioccolato e di scegliere la tavoletta con solo burro di cacao, senza altri grassi vegetali.

Infine, il resvatrolo è stata la prima molecola smart ad essere stata isolata e testata in laboratorio e si è visto che ha effetto sul gene della longevità. È contenuto nell’uva, bianca e nera, soprattutto nella buccia.

Inutile dire che è contenuto anche nel vino ma l’alcol è una sostanza tossica per l’organismo. Quindi non vale considerarlo uno smartfood! Ovviamente.

Articoli correlati

*

Top