Gubitosi al vertice di Alitalia? «Non ne ha le competenze». (Ma va?)

Luigi Gubitosi, Rai, Alitalia, Etihad
Luigi Gubitosi

Come si dice “Ccà nisciuno è fess” in arabo? Perché è quello che ha risposto Etihad (azionista al 49%) alla proposta di mettere Gigino Gubitosi, catastrofico ex Dg Rai, a capo di Alitalia.

Gradito alle banche, che vorrebbero un rinnovamento della governance non appena sarà pronto il piano industriale, Gubitosi non è però benvisto dall’azionista arabo che non lo considera “adatto” in quanto non ha alcuna competenza nel settore (laddove l’unica competenza dell’ex Dg di viale Mazzini è la licenza di far disastri).

Chi, sano di mente, chiamerebbe a gestire una grande azienda inviso alla quasi totalità della classe politica nazionale, a destra come a sinistra? Chi, con un minimo di cultura di impresa, metterebbe al vertice di una società uno che – per codardia o ignavia – ha consentito che in Rai, per anni, si sviluppasse indisturbato il cancro della corruzione e del malaffare? Sicuramente non gli emiratini.

Dal canto suo Gubitosi non vede l’ora di (ri)trovare una collocazione. Una qualunque. Sono mesi che cerca disperatamente una poltrona >>leggi qui<< e, c’è da scommetterci, qualora naufragasse la possibilità di diventare presidente di Alitalia, succedendo a Luca Cordero di Montezemolo, si accontenterebbe di prendere il posto dell’attuale Ceo Cramer Ball.

Ma siccome saranno gli arabi a (ri)metterci i soldi per l’aumento di capitale, vogliono – giustamente – avere l’ultima parola su tutto. Alitalia è sull’orlo del precipizio. Gubitosi al vertice le farebbe fare un passo in avanti.

 

 

 

2 Commenti

  1. Pingback: Free Teen Chat Rooms

  2. R.P.Ffm. said:

    Basta Alitalia! Fallisca! Ryanair, EasyJet & Co. la sostituiscono già! R.P.Ffm. :-(

*

Top