Amici veri? Tutta una questione di Dna

amici

“Amico è bello, amico è tutto e l’eternità, è quello che non passa mentre tutto va”. Queste le parole di Renato Zero in una sua celebre canzone. Gli amici sono le persone che scegli di averle al tuo fianco, per tutta la vita. Salvo ovviamente litigi e tradimenti che nel corso della propria esistenza possono compromettere il rapporto di fiducia che si è instaurato. Il fatto di scegliersi le amicizie, di condividere esperienze di vita con una persona piuttosto che con un’altra è un fatto normale, che si verifica spontaneamente. Senza un’apparente spiegazione. È così e basta. Si diventa amici, punto. “Chi si somiglia si piglia”, si dice molto spesso.

Ma secondo uno studio condotto dalla “University of California di San Diego”, nulla sarebbe casuale. Esisterebbe infatti un meccanismo – non ancora spiegato- che ci guida nella scelta di una persona basandoci sulla somiglianza in termini di Dna. Più semplicemente, secondo questa ricerca gli amici veri hanno spesso un Dna simile. Un’amicizia forte può essere paragonata ad una sorta di “patto di sangue” . In tutti i sensi. Questo che significa? Come ci accorgiamo di chi ha i geni simili ai nostri? “Non sono i geni quelli di cui ci si può accorgere, ma la loro estrinsecazione – spiegano nel rapporto dell’Università- cioè il loro contributo al comportamento e all’atteggiamento complessivo”. Gli amici intimi sono simili a livello genetico al pari dei cugini di quarto grado con cui si condividono gli antenati. Incredibile, ma vero.

James Fowler, uno degli autori della ricerca, spiega: “Osservando l’intero genoma abbiamo scoperto che, in media, siamo simili geneticamente ai nostri amici. Abbiamo più Dna in comune con le persone che scegliamo come amiche che con il resto della popolazione”. I ricercatori, per i loro test, hanno formato delle coppie di individui basandosi semplicemente sul fatto che fossero amici o completamente estranei. Alla fine, gli esperti hanno scoperto che gli estranei erano diversi tra loro dal punto di vista delle mutazioni genetiche, mentre le coppie di amici erano in media simili con somiglianza genetica pari a circa l’1% del Dna. Ma spiegazioni logiche a questi risultati ancora non sono state rivelate. Verosimilmente però, geni simili potrebbero portarci a gusti simili, alla frequentazione degli stessi ambienti. E così via. Motivo per il quale incontrare qualcuno più simile a noi, sia esso un partner o un amico, e diventarci amico è una cosa molto probabile.

Articoli correlati

2 Commenti

*

Top