Bello Figo: Livorno pronto ad accogliere il nuovo idolo in nome dell’antifascismo

bello figo

Non potendo più contare su Cristiano Lucarelli da sventolare come bandiera, dalle parti di Livorno hanno pensato bene di elevare a simbolo Bello Figo, cantante rap in rapida ascesa, ovviamente per contrastare, a detta loro, la solita “ondata di violenza e di razzismo”.

Proprio così, dopo esser stato “rimbalzato” a Roma e in altre città, ci ha pensato Livorno ad accoglierlo prontamente. Ma non tanto, è evidente, per le sue doti artistiche, ma solo perché rappresenta “una scelta antifascista” e quindi da cavalcare a tutti i costi. Fa sorridere come ancora proprio l’antifascismo possa rappresentare un valore da portare avanti con così tanta fermezza e convinzione

Il contestato rapper di origini ghanesi, che ironizza sugli stereotipi legati agli immigrati, sarà dunque ospite della città toscana, di chiara matrice “rossa”. Bello Figo si esibirà al “The Cage”, locale della scena rock alternativa alla periferia di Livorno.

“La nostra è una scelta antifascista e noi ci opponiamo a questa ondata di odio e alle minacce di morte che arrivano costantemente nei confronti di Bello Figo”, le dichiarazioni dei gestori del locale. Gli utili del concerto saranno devoluti poi ad un progetto di emergenza abitativa.

Niente contro Bello Figo, ci mancherebbe. Alcune  delle sue canzoni sono anche simpatiche, chiare provocazioni, forse perché in fondo sa anche lui quanto il nostro paese si stia barcamenando per aiutare gli immigrati. Trascurando, non poco, i propri cittadini.

Livorno (ci sarà qualche eccezione tra la popolazione) dunque è pronta ad accogliere la sua nuova bandiera e a cantare tutti insieme “Non pago affitto e noi vogliamo le fighe bianche, scoparle in bocca”.

 

Articoli correlati

*

Top