Ci√≤ che colpisce di pi√Ļ la gente lungimirante come Brazzale √® “il fatto che cifre tanto impressionanti non smuovono n√© lo Stato, n√© i privati. Milioni di lavoratori anche in Occidente ormai guadagnano il necessario per se stessi, ma non per realizzare i progetti famigliari. Una societ√† cos√¨ si estingue. Il ritardo del nostro parlamento nel regolare il diritto di morire con dignit√† √® uno scandalo. Ma ancora pi√Ļ inaccettabile √® l’assenza di un sostegno reale alla vita”.

Come contropartita per questo esborso economico per nulla obbligatorio c’√® la felicit√† dei dipendenti dell’azienda, il sentirsi parte di una realt√† accogliente: “vogliamo che i giovani che investono sulla vita si sentano a proprio agio e non debbano preoccuparsi del lavoro”. E c’√® da scommettere che ci sar√† un deciso aumento della produttivit√†. “Do ut des”, dicevano i nostri padri: ma possibile che il mondo politico non abbia capito cose cos√¨ basilari?

“Noi abbiamo cercato di aggiungere un passaggio che pu√≤ apparire paradossale”, conclude Brazzale: “dire ai dipendenti che siamo contenti se, credendo nel valore individuale e collettivo della vita, concepiscono un bambino e stanno a casa per aiutarlo direttamente a crescere”. Tanto di cappello.