Roma, vittoria importante: segnali distensivi tra Pallotta e Spalletti?

roma

La Roma è ripartita, battendo il Sassuolo per 3 a 1 e tornando al secondo posto in classifica, posizione di vitale importanza per i giallorossi. E adesso la sosta arriva nel momento migliore.

Dovrà ricaricare le batterie ai suoi Spalletti, per poi concentrarsi su un finale di stagione duro, sia in campionato che in Coppa Italia, con la sfida decisiva di ritorno contro la Lazio. “Se arriviamo secondi non abbiamo fallito niente, però rimaniamo con zero titoli”, le dichiarazioni dell’allenatore dopo il match di ieri contro il Sassuolo.

Il suo futuro intanto resta molto incerto, anche se sono arrivati segnali distensivi da parte del presidente Pallotta. La relazione è eccellente con lui, sono soddisfatto del suo lavoro e tatticamente è perfetto per la Roma: mi auguro possa rimanere qui, ma tengo a sottolineare che non c’è nessun problema sul rapporto tra me e lui. Sicuramente rimarrà fino a maggio. Mi piacerebbe tenerlo, ma è lui che deve decidere. Non intendo rivelare quali sono le nostre strategie, nè sull’allenatore, nè sul ds, né sul futuro di Totti”. Pensieri reali o un bluff per rendere l’addio di Spalletti meno amaro? Solo il tempo potrà dirlo.

Di sicuro è impossibile criticare il lavoro del tecnico di Certaldo e la stagione ad alti livelli disputata sin qui dalla Roma. Resta il rammarico per l’eliminazione dall’Europa, prima in Champions e poi in Europa League, ma i giallorossi hanno aumentato sicuramente il loro livello di competitività.

Soprattutto, bisognerebbe non dare retta alla stampa romana e romanista, pronta ad esaltare ogni singola vittoria, per poi puntare il dito contro tutti non appena arriva un passo falso. Spalletti questo lo ha capito e non si è fatto problemi a dirlo in faccia a tutti i vari comunicatori.

Articoli correlati

*

Top