Epatite C, ‘Medici senza frontiere’ contro il brevetto del super farmaco

Sofosbuvir, Msf, Medici senza frontiere, epatite C, Gilead, azione europea, brevetto, sofosbuvir

Insieme ad altre organizzazioni, ”Medici senza frontiere” ha depositato un’opposizione al brevetto del sofosbuvir presso l’Epo, l’Ufficio brevetti europeo, “per favorire l’accesso a un trattamento a basso costo” al super-farmaco contro l’epatite C e rimuovere le barriere che impediscono a milioni di persone di ricevere il trattamento.

Un’azione “di cui potrà beneficiare anche l’Italia” e i suoi 500mila malati di epatite C in attesa di cura. «Con circa 80 milioni di persone in tutto il mondo affette da epatite C – sottolinea Isaac Chikwanha, consulente medico sull’epatite C per la Campagna per l’accesso ai farmaci di Msf – il trattamento dovrebbe essere disponibile a chiunque ne abbia bisogno indipendentemente da dove vive, Europa compresa».

«Il prezzo del sofosbuvir – ha aggiunto Chikwanha – sta tenendo il trattamento fuori dalla portata di milioni di persone che ne hanno bisogno e in tutto il mondo il trattamento viene razionato o semplicemente non è disponibile. Accade anche nei Paesi dove Msf opera, come la Russia, e in molti altri Paesi a medio-reddito tra cui la Thailandia e il Brasile. Un farmaco che cura non è di nessun aiuto se le persone che ne hanno bisogno non possono permetterselo».

Il sofosbuvir «è alla base della maggior parte delle combinazioni di trattamenti per l’epatite C, uno tra i vari antivirali orali ad azione diretta entrati nel mercato negli ultimi 4 anni, che hanno causato un’impennata nei costi delle cure» – ribadisce “Medici senza Frontiere”. In Europa «Gilead fa pagare fino a 55.000 euro per un trattamento con sofosbuvir di 12 settimane. Negli Stati Uniti l’azienda aveva inizialmente stabilito il prezzo a 84.000 dollari o alla cifra sconvolgente di 1.000 dollari a pillola. Nel frattempo, alcuni studi hanno dimostrato che produrre il farmaco costa meno di 1 dollaro a pillola».

Il costo molto alto del farmaco a base di sofosbuvir fino a poco tempo fa  «costringeva a limitare il trattamento ai soli casi più gravi, con un’inevitabile discriminazione ed esclusione di gran parte dei pazienti. Ora l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e il ministero della Salute stanno alimentando una logica di competizione tra le aziende farmaceutiche che potrà favorire una progressiva riduzione dei prezzi, garantendo maggiori opzioni terapeutiche per i pazienti e una più ampia inclusione al trattamento contro l’epatite C».

Per Aliénor Devalière, consulente delle politiche Ue per la Campagna per l’accesso ai Farmaci di Msf, “questo brevetto può e deve essere contestato. La scienza che c’è dietro il sofosbuvir non ha nulla di innovativo”. Le opposizioni possono rimuovere o ridurre la durata di un brevetto e consentire alla necessaria competizione dei farmaci generici di ridurre drasticamente i prezzi. Brevetti del sofosbuvir sono stati già revocati in Cina e Ucraina, e altri Paesi come Argentina, India, Brasile, Russia e Thailandia sono in fase di decisione.

Se l’opposizione al brevetto avrà successo «potrebbe accelerare la disponibilità di versioni generiche di sofosbuvir in Europa – spiega Aliénor Devalière, consulente delle politiche Ue per la Campagna per l’accesso ai Farmaci di Msf -.  Potrebbe anche incoraggiare tutti i Paesi a intraprendere misure per consentire l’accesso a versioni generiche economiche negoziando subito accordi migliori con la Gilead e/o avviando nuove azioni come il rilascio di licenze obbligatorie per importare o produrre farmaci generici più economici».

Articoli correlati

Un Commento

Rispondi a Graziella Tartaglia Annulla risposta

*

Top