Arti marziali: il 29 aprile a Roma il Fighting Spirit Muay Thai

arti marziali

Un evento che tutti gli appassionati di arti marziali stanno aspettando. Il 29 aprile, infatti, Roma ospiterà la nuova edizione della Fighting Spirit Muay Thai. L’Ultima Ribattuta ha intervistato l’organizzatore, nonché direttore tecnico regionale del settore FIKBMS (federazione riconosciuta dal Coni), Gianluca Colonnese.

Gianluca, come è nata l’idea di creare questo evento?

Un’idea che nasce dal desiderio di far conoscere questo sport, il Muay Thai e creare a Roma un evento di punta che potesse diventare un consueto appuntamento per tutti gli appassionati. Un modo per aver, anche noi, il nostro giorno e per far rendere conto a tutti coloro che hanno ancora pregiudizi, che si tratta solamente di una bellissima e antichissima arte marziale.

Siamo giunti ormai alla sesta edizione.  Quanto è cambiato e come si è evoluto in sei anni il Fighting Spirit?

Più che cambiato, appunto, posso dire che è cresciuto. Il format rimane sempre lo stesso certo, ma ora è tutto strutturato più in grande. A partire dagli atleti che sono di altissimo livello nazionale, ma anche internazionale.  Lo spettacolo sarà garantito, nessuno rimarrà deluso perché si parla di un vero e proprio show e la location di punta – dal primo palazzetto di Settecamini per l’edizione inaugurale, all’Atlantico Live all’Eur – ne è la dimostrazione. Per scoprire tutto il resto, dovrete aspettare il 29 aprile. Ci tengo a salutare particolarmente il nostro main sponsor dell’evento, Mideporte365 e al direttore generale Massimiliano De Santis.

Ci puoi dare una piccola anticipazione sul match Making?

Posso dirvi solo questo. 1 titolo mondiale WMO, 1 titolo europeo WAKO , 1 titolo italiano WAKO PRO, un dual match Italia-Grecia e un solo nome per l’ ultimo prestige fight Sudsakorn sor klimnee. Penso di aver detto già abbastanza…

L’ultima domanda: che messaggio vorrebbe lanciare ai nostri giovani?

Il messaggio che lancio è che ci sono tantissimi sport oltre il calcio, che purtroppo in Italia è l’unico che viene pubblicizzato e sovvenzionato a dovere. Le arti marziali esistono da millenni nel nostro mondo e oltre uno sport, sono un vero e proprio stile di vita buono per tutti, ma soprattutto per i giovani che crescono in un mondo dove i valori si stanno perdendo sempre di più. Perciò, l’appello che vi faccio è: provate ad avvicinarvi a questo mondo e ne potrete trarre solo benefici e tante soddisfazioni.

Articoli correlati

*

Top