Coca Cola in Italia, dalla soda-tax cancellata da Monti al taser sui lavoratori

coca cola nogara

Sono giornate piene di agitazione per i lavoratori e per i vertici della Coca Cola Italia dove a Nogara si trova lo stabilimento più grande d’Europa.

Alla fine, la produzione della Coca Cola è ripartita ieri alle ore 14, dopo una serie di gravi frizioni. Ad annunciarlo è stato Davide Morelli, direttore dello stabilimento: “A seguito dell’intervento delle forze dell’ordine che questa mattina hanno ristabilito una piena legalità e sicurezza nello stabilimento veronese, Coca-Cola HBC Italia annuncia la ripartenza della produzione”. La tensione era arrivata alle stelle nei giorni scorsi quando i vigilantes arruolati dallo stabilimento di Nogara (Verona), sono stati accusati di aver utilizzato i «taser» (pistole elettriche) contro i lavoratori che protestano per i licenziamenti e per chiedere l’equiparazione delle tariffe dell’acqua anche per l’impianto della multinazionale visto. Secondo quanto si riferisce nell’atto ispettivo, infatti, la Coca Cola pagherebbe l’acqua molto meno di tutti gli altri stabilimenti.

Ad agitare le acque, poi, era arrivato il servizio di Report di lunedì scorso: nella puntata condotta da Sigfrido Ranucci che ha sostituito Milena Gabanelli è stata raccontata la mancata introduzione della soda-tax. Il balzello che colpirebbe le bevande gassate, anche con lo scopo di combattere l’obesità sempre più diffusa soprattutto tra i giovani, venne cancellato dall’agenda del governo Monti. A riferirlo è stato Renato Balduzzi, ex ministro della Salute che ha ricordato quando i vertici della Coca Cola lo andarono a trovare al ministero.

Fa riflettere, poi, il ruolo dell’allora premier Mario Monti: quando nel 2004 ricopriva l’incarico di commissario Ue, con lo scopo di evitare contenziosi raggiunse un accordo grazie al quale Coca Cola rinunciò ad alcuni comportamenti censurati. Due anni dopo, nel 2006, venne assunto come membro dell’international advisory board dalla stessa Coca Cola. Poi, qualche anno dopo, arrivò alla carica di primo ministro: al posto giusto per scongiurare la soda-tax.

Articoli correlati

*

Top