FS si fonde con ANAS che si fonde col CAS? Sì, no. Forse

fs, anas, cas, trenitalia, ferrovie dello stato

Prima data per scontata, la fusione tra Ferrovie dello Stato e ANAS potrebbe non verificarsi mai. O, quantomeno, non in tempi brevi. A gettare acqua sul fuoco, spegnendo gli entusiasmi di via Monzambano, la dichiarazione del sottosegretario al Mit Umberto Del Basso De Caro.

«Sulla delicata questione dell’ipotesi di fusione Fs- Anas al fine dei necessari approfondimenti, è stato istituito presso il Mef, azionista unico delle predette società, un gruppo di lavoro ad hoc con la partecipazione anche del Mit e il gruppo sta svolgendo gli opportuni studi di fattibilità dell’ipotesi di progetto». Una dichiarazione delicatamente infiocchettata, quella del sottosegretario alle Infrastrutture e ai trasporti, per dire tra le righe (ma nemmeno poi tanto) che il ministero sta frenando sulla questione.

Nel rispondere, in IX commissione, all’interrogazione presentata dalla deputata grillina Arianna Spessotto, il sottosegretario Del Basso De Caro aggiunge: «Ci sono dei ragionamenti complessivi da parte del Governo per potenziali investimenti, anche nell’ottica di favorire le imprese italiane e attrarre quelle straniere. Appare quindi prematuro esprimere dettagli in merito alla conseguente definizione dei corrispettivi previsti dal Contratto di servizio con lo Stato e alle future modalità di finanziamento delle strade statali».

Dopo il terremoto che ha sconvolto il CAS, >>leggi qui<< con diversi indagati tra dirigenti e funzionari del Consorzio, torna di nuovo all’ordine del giorno la questione della fusione: dapprima bocciata dall’Assemblea regionale e, di fatto, estromessa dalla manovra Finanziaria regionale è stata (inspiegabilmente) rilanciata ieri dal deputato di Cantiere popolare, Pippo Gennuso: «Il Consorzio autostradale siciliano – ha detto – è un carrozzone che non ha motivo di esistere, prima si scioglie, passando tutte le competenze ad Anas, e meglio è per le casse pubbliche. È una struttura elefantiaca che non ha mai funzionato. Basti vedere le infrastrutture di loro competenze e capire come sono ridotte e prive di manutenzione. Addirittura nell’ultima contestazione della Procura, il Cas distribuiva incentivi a destra e manca finanche per progetti mai eseguiti. Credo che questa ultima inchiesta giudiziaria, è la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. È arrivato il momento di dire basta al Cas e di chiuderlo definitivamente».

Impossibile non notare i tanti punti (negativi) in comune tra le due realtà: sicuri che l’accorpamento sia davvero la soluzione ideale?

AGGIORNAMENTO Ore 17:13>> (ANSA) Fs-Anas: via libera da Cdm, nasce polo integrato. Il cdm ha dato il via libera ad una misura, che era prevista in manovrina e su cui oggi si è trovata la quadra, per la fusione di Fs e Anas. Lo si apprende da fonti di governo, che precisano che Anas diventa così una società del gruppo Fs mantenendo la propria autonomia. Si tratta di un progetto industriale per un polo integrato strade-ferrovie.

Con questa operazione, secondo quanto si apprende da fonti di Governo, Anas e FS fanno massa critica anche a livello internazionale. Anas resta una società con una sua autonomia, che va dentro il gruppo FS con questa logica industriale sinergica. Anas, in particolare, passa a FS con una ricapitalizzazione e mantiene i rapporti concessori che ha con lo Stato. Nella manovrina, spiegano le stesse fonti, c’è anche una norma che permette di risolvere una parte del contenzioso in via bonaria.

***

AGGIORNAMENTO Ore 19:43 >> (ANSA) “Non sono trascorse nemmeno 24 ore da quando il ministero dei Trasporti rispondendo a un’interrogazione nostra sull’ipotesi di accorpamento Fs e Anas ha preso tempo dicendo che “appare prematuro esprimere dettagli in merito“. Addirittura che si stanno “svolgendo gli opportuni studi di fattibilità dell’ipotesi in progetto”. Si vede che la notte oltre a portare consiglio porta pure gli studi di fattibilità, visto che oggi viene annunciata la fusione“. Così i deputati M5S in commissione Trasporti alla Camera. “Il Parlamento non conta proprio nulla e questa è l’ennesima prova”, sostiene Arianna Spessotto, prima firmataria dell’interrogazione. E’ assurdo che in meno di 24 ore si consolidi quella che era stata bollata come ipotesi solo ieri. Il ministero si comporta in modo vergognoso ma andremo avanti e vogliamo sapere quali erano i dubbi che avevano ieri i tecnici del Mit che magicamente in poche ore sono stati risolti. O ieri il sottosegretario ci ha mentito, o la fusione è avvenuta senza che gli studi di fattibilità fossero pronti e vidimati“, conclude Spessotto.

Articoli correlati

12 Commenti

  1. #siamostufideifalsieroi said:

    Con il passaggio nelle FS a Trieste, chissà se il geometra di lungo corso farà ancora il bullo con il suo Sancho Panza ed il cretinetti del Budget…..

    • capocantiniere said:

      non preoccuparti, il tuo posto non lo vuole nessuno!! al massimo ti faranno riparare le fogne anche ai passaggi a livello!

  2. Luna said:

    Un governo di Passaggio lo avevano chiamato.. che non avrebbe dovuto decidere nulla ma solamente ragionare sul tema elezioni. Ed invece, manovre correttive , manovrine, fusioni di aziende di stato e chi più ne ha più ne metta. Intanto Armani continua con la sua distruzione Aziendale, sotto gli occhi compiacenti di molti dipendenti e dirigenti. L’ entrata in Ferrovie pur se con una propria autonomia segna la fine di Anas. Ringraziate il caro presidente Armani e io suo fedele amico e ministro.. Ringraziate l’ autoreferenzazione dei suoi fedelissimi compagni di avventura messi in azienda.

  3. Italiano said:

    Delrio poletti e c.
    Perso Il referendum dovevano andare via!
    Mentre sono li a trasformare l’Italia in una COOP

  4. Ingordo said:

    Ma con la fusione ci danno anche la tessera di Polizia Ferroviaria e lo sconto sui treni?

  5. Antilope Kobler said:

    Ma quale fusione con FS???!!!! si tratta solo di passare al gruppo FS, ma Anas resta così com’è… con tutti i suoi difetti e casini. È solo un’operazione contabile di facciata per imbrogliare l’Europa sul bilancio nazionale. Non illudetevi… tutto cambia per non far cambiare nulla!!!!
    P.S.: brava Ing.Cesolini… ha fregato tutti e si è accasata in FS con una tempistica da vera… raccomandata!!!

  6. drastk said:

    Grazie alle Dame di tutti i colori, grazie ai ponti caduti (mai controllati), grazie alle ciliege (amare e intascate dalle Dame e damerini) e ai Rolex distribuiti a pioggia a chi non ha creduto nel proprio stipendio (onesto e generoso). Grazie a tutti coloro che, spadroneggiando nei corridoi e nei cantieri, hanno fatto i padroni dell’azienda riducendola a un cassone metallico pieno di agnelli pronti xla macellazione pasquale. Grazie a tutti i dirigenti che con il loro persistente e fastidiosissimo silenzio hanno affossato la legalità e l’onestà dei tanti dipendenti che hanno lavorato con entusiasmo e grande umiltà. Grazie ai fannulloni che con il loro comportamento hanno depredato le casse dell’Anas senza lavorare, prendendo per il culo i Dirigenti e soprattutto i colleghi. Grazie a chi, guardandoci nel viso, ci sputa quotidianamente negli occhi solo perché portiamo con grande fierezza il rullo alato nel cuore e sulle ns casacche gialle. Grazie a tutti i politici che hanno fatto campagne elettorali, svendendo tracciati e svincoli di qua e di la. Grazie a chi ha intascato incentivi, visto la qualità delle opere che hanno realizzato. Grazie alle Imprese, che hanno spremuto l’Anas come una vacca, esaurendo gli uomini di Anas (quelli che contano) fino all’ultima goccia di onestà rimasta nel loro cuore! Grazie proprio a tutti per averci creduto. Ancora grazie.

  7. Anas 2.0 said:

    E con ANAS andrà via tutto il marciume di corruttela e fannulloni che ha governato, sovrani, per decenni senza controllo dei dirigenti? Che fine faranno i numerosi e mediocri Dirigenti superpagati della Società? Ma che fine faranno tutti i dipendenti?? E’ aperto il toto siluramento!

  8. drastk said:

    Ragazzi, la manovra è stata partorita dal GOverno GEntiloni: ANAS cambierà pelle a breve! Abbiamo distrutto la gloriosa effige del rullo alato… Siamo stati bravi… Adesso via agli esuberi e al Piano di Industrializzazione di FFSS …Ne vedremo delle belle! Grazie a quanti non hanno creduto in questa Società che, nel bene e nel male, ha fatto muovere gli italiani.

  9. Enzo said:

    Gennuso? Chi è costui? Che film ha fatto? Non sa forse che di “Elefantiaca” in Sicilia esiste solo la disoccupazione oltre la sua retribuzione di deputato (immeritata e sovradimensionata)? Lo sa benissimo che senza il Cas in Sicilia non ci sarebbero Autostrade, ma a lui che importa? Basta gettare gettare fango. Forse con uno scopo ben preciso. Quello di cedere “a gratis ” e al più presto tutto all’Anas? Cui prodest tutto ciò? Io lo so, ma molti siciliani lo apprenderanno presto.

*

Top