Lazio, la Nord contro Cataldi: “Resta a Genova”

Rottura quasi totale tra i tifosi biancocelesti e Danilo Cataldi. L’esultanza del baby laziale al gol di Goran Pandev non è passata inosservata e ha dato molto fastidio alla Curva Nord che si è fatta sentire, eccome, nei confronti del giocatore.

Caro Danilo, compimenti per il tuo fantastico atteggiamento tenuto da te e dalla tua futura moglie al gol di un giocatore che ci infanga e ci disprezza da anni. Riteniamo che sia un insulto alla Lazio e ai suoi tifosi, da una persona, come te, che si è sempre dichiarata laziale. Ti auguriamo una lunga permanenza a Genova perché ora, nella Lazio, per uno come te non c’è più posto. Arrivederci e grazie“, il messaggio della Nord.

Inizialmente era anche circolata la voce di un Cataldi scatenato dopo la rete del macedone (che ha esultato in maniera polemica e anche offensiva nei confronti della Lazio urlando siete delle “me…”), che avrebbe corso per 50 metri per abbracciare il compagno di squadra. Poi, però, rivendendo il replay, il talento cresciuto nel vivaio capitolino era molto vicino all’attaccante nel momento del suo gol e si è avvicinato a Pandev per abbracciarlo. Chi invece si è lasciata andare ad una gioia incontenibile è stata appunto la fidanzata di Cataldi, immortalata dalle telecamere. Forse, la coppia romana non ha gradito la sistemazione provvisoria a Genova, forse Cataldi, che a giugno tornerà alla base di Formello, non sta vivendo un momento positivo, nè con il Genoa, nè personale. Di sicuro, però, poteva evitare visto che, appunto, tra un mese e mezzo rientrerà nella Capitale per conquistarsi una maglia da titolare. E perché, anche se un professionista, ha sempre manifestato la sua lazialitá. Nessuno gli avrebbe mai chiesto di non impegnarsi in campo, ci mancherebbe; però, andare ad esultare con un giocatore che ce l’ha a morte con la sua ex squadra ha dato fastidio alla piazza biancoceleste. E anche vedere la sua consorte così in estasi.

I tifosi della Lazio si sa, sono passionali, specialmente ora che la Curva Nord si è ricompattata con il ritorno dei vecchi Irriducibili. Una volta che un giocatore le entra nel cuore ci rimane per sempre. Ecco perché il popolo biancoceleste si è probabilmente sentito tradito da Cataldi, che adesso, una volta tornato a Roma, dovrà far di tutto per riconquistare la fiducia dei tifosi.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Pingback: Lazio-Cataldi: pace (quasi) fatta. Ma spunta fuori il Benevento

  2. Patrice said:

    Però sta predica sulla coerenza la fa la stessa gente che per 10 anni c’ha fatto fare contestazioni contro Lotito e ora dopo chissà quale chiarimento, nemmeno i più i cori contro. Tutti amici.
    Cataldi ha esultato perché è un calciatore e dopo un gol si esulta. Non mi sembra abbia dileggiato nessuno.

  3. Pingback: Sgradita l'esultanza di Cataldi al gol di Pandev: il comunicato della Curva laziale - Buon Calcio a Tutti

Rispondi a Patrice Annulla risposta

*

Top