Cina: un’azienda di trasporti ha assunto un esercito di robot

robot

I robot della Shentong Express trasporteranno oggetti da un punto all’altro della struttura. L’azienda ha scelto la via dell’automazione: rimpiazzati (quasi) tutti i dipendenti e dimezzati i costi di gestione

Licenziare i dipendenti per assumere dei robot. Investire sull’automazione per tagliare i costi di gestione. E’ questo il trend su cui si stanno muovendo le società del nuovo millennio. Ultima (in ordine cronologico) a inchinarsi ai piedi degli androidi è la Shentong Express, azienda cinese leader nel settore dei trasporti. La STO, punto di riferimento del mercato asiatico, ha arruolato un piccolo esercito di robot, che avranno il compito di trasportare da un capo all’altro della struttura tutti gli oggetti da spedire.

Gli androidi, addetti alla preparazione delle spedizioni, sono stati sviluppati dalla Hikvision. Le loro dimensioni, paragonabili a quelle di un piccolo cuscino, li rendono agili e veloci. Si muovono in lungo e in largo per tutto il magazzino, seguendo dei percorsi segnati sul pavimento con degli evidenziatori. Gli automi saranno in grado di ricaricarsi autonomamente: quando la batteria starà per esaurirsi, i robot si auto-collegheranno alle prese dislocate all’interno del magazzino. In questo modo, l’intero processo di spedizione avviene in maniera del tutto automatica. Ai pochi esseri umani inseriti nella catena di trasporto, non resta altro che sollevare i prodotti dai nastri trasportatori e posizionarli nelle mani dei robot, che li lasceranno nel loro dipartimento di destinazione.

Il magazzino della Shentong si trova ad Hangzhou, nella provincia di Zhejiang. I robot riescono a gestire oltre 200mila pacchetti al giorno, senza fermarsi un attimo e soprattutto senza mai sbagliare. In questo modo, oltre a dimezzare i costi di gestione, l’azienda è riuscita ad aumentare la sua efficienza di circa il 30%. “Stiamo utilizzando i robot in due centri di Hangzhou. – ha spiegato un portavoce della STO ExpressVogliamo cominciare ad utilizzarli in tutto il Paese, soprattutto nei nostri magazzini più grandi”.

Il continente asiatico compie un altro passo avanti verso un futuro sempre più efficiente ed automatizzato. Solo qualche mese fa, la Fukoku Mutual Life Insurance, una delle compagnie assicurative più importanti del paese, ha licenziato 34 dipendenti per rimpiazzarli con il supercomputer Watson Explorer (vedi qui). Ma quale sarà il futuro degli esseri umani?

Articoli correlati

*

Top