Microcar truccate e poco sicure: sono più sicuri i motorini

microcar

Sembrano Ferrari, Porsche o Maserati. Almeno a giudicare dal rombo dei motori. In realtà solo le microcar, più comunemente “macchinette”, guidate perlopiù dagli adolescenti (dai 14 anni in su).Vanno di moda ormai da una quindicina di anni e hanno sostituito, in parte, i motorini di cilindrata 50.

Solamente nella Capitale sono 16 mila i veicoli che sfrecciano per le vie della città. Le vedi soprattutto nei quartieri chic di Roma (costano molto, dai 9 ai 20 mila euro) e sono ormai diventate l’oggetto dei desideri dei minorenni. Peccato, però, che una microcar su tre sia fuorilegge. Il perché è presto detto: hanno il motore truccato, modificato e quindi non potrebbero circolare.

Le riconosci subito dal rumore, più fastidioso del solito, che tutto sembra tranne che provenire da quella piccola vettura. “Basta togliere i diafranni e la macchinetta schizza a 80 km orari”, ha raccontato uno studente. “Ma ci sono altre modifiche abbastanza semplici, come alzare il pedale dell’acceleratore per avere più gas o aprire la ‘pompa’ della marmitta. Cose che fanno tutti”.Per non parlare dei ritocchi agli stereo con altoparlanti da spaccare i timpani e far tremare i palazzi. E le multe di certo non riescono a fermare la loro ondata.
Ma il problema vero e proprio di queste mini automobili è la sicurezza. Nonostante gli sforzi dei costuttori, i test hanno dimostrato che le microcar offrono poche certezze. Non ci sono protezione per gli urti laterali e il rischio di conseguenze gravi, in caso di incidenti, è altissimo. Quasi tutti i modelli sono stati bocciati da “EuronCap”. Eppure continuano ad essere vendute in quantità industriale. Almeno, però, è stato sfatato d il mito che siano più sicure dei motorini…

Articoli correlati

*

Top