Roma: Monchi e l’annuncio del ritiro di Totti che non spettava a lui

Non era certamente il finale di carriera che sognava. Soprattutto, non era l’annuncio che voleva e aveva programmato. Perché a farlo è stato il nuovo diesse giallorosso Monchi e non lui.

Francesco Totti, tra un mese, smetterà di essere un calciatore che ha scritto la storia della Roma e si metterà la giacca e la cravatta per fare il dirigente. Mancava solo l’ufficialitá, ma voleva essere lui ad annunciarla.

E invece ci ha pensato il nuovo diesse giallorosso che, sarà sicuramente bravo perché a Siviglia ha vinto, ma nella Roma non conta ancora nulla e una notizia così delicata (e comunque triste per tutti i tifosi) spettava a Totti divulgarla alla stampa.

Questo dimostra ancora una volta la quasi assenza di programmazione della società capitolina, la quasi totalità di comunicazione.

E il popolo romanista non l’ha presa affatto bene. Si aspettava certo il ritiro del Capitano, anche perché é lui stesso a deciderlo, ma, appunto, voleva l’annuncio in grande stile.

Sui social, tanti i messaggi di protesta per l’ufficialità data da Monchi e critiche, senza troppi giri di parole, alla proprietà americana.

Voglio che mi stia vicino e mi spieghi e mi faccia capire cos’è la Roma“, ha dichiarato il nuovo direttore sportivo.

Ma resta l’amaro in bocca, quel vuoto, quella sensazione di impotenza che ha colpito sia Totti che i tifosi giallorossi. Il numero 10 voleva chiudere la sua carriera in modo diverso.

Articoli correlati

*

Top