WhatsApp: occhio alla truffa dei buoni Eurospin

WhatsApp

Tornano a circolare le truffe su WhatsApp: dopo i voucher di Ikea e i crediti Zara, arrivano anche i buoni dell’Eurospin. Ecco come difendersi

I primi messaggi di pishing – che invitavano gli utenti a utilizzare questi presunti buoni nei centri commerciali Eurospin – erano già balzati all’onore della cronaca qualche mese fa. E adesso gli hacker si rifanno sotto, con la stessa identica formula. A lanciare l’allarme è sempre la Polizia Postale, che attraverso il proprio canale social ha allarmato tutti gli utenti WhatsApp, il servizio di messaggistica più utilizzato al mondo.

Obiettivo di questi messaggi, è quello di rubare i dati sensibili degli utenti, come il codice della carta di credito o quello del conto corrente“Appena preso!!! Un buono Spesa di Eurospin ❤❤ ⇨ http://eurospin.com-gratis.xyz”, recita il messaggio incriminato. Il link reindirizza all’interno di una pagina fraudolenta, che richiede all’utente di fornire una vasta serie d’informazioni. La minaccia è dietro l’angolo: se si compila il modulo che appare in sovrimpressione (fornendo l’indirizzo di fatturazione e gli estremi del conto corrente), si attiveranno dei servizi di abbonamento molto salati. Non solo. Se il piano tariffario non prevede il “blocco per chiamate ed sms fraudolenti”, gli hacker riusciranno a prosciugare anche il vostro credito telefonico. Gli esperti informatici la chiamano SCAM, un vero e proprio tentativo di truffa pianificata con metodi di “social engineering”.

Ovviamente, Eurospin ha dichiarato di essere totalmente estranea a questa vicenda. I consigli per difendersi dalle truffe sono sempre gli stessi: evitare di aprire i link provenienti da fonti non ufficiali e contatti non verificati. “Nessun link fuorviante deve essere aperto se giunto attraverso messaggi di testo su WhatsApp o altri servizi di messaggeria o social network; – appare in una nota ufficiale della Polizia Postalenon fornire informazioni personali, se la fonte non è affidabile; non installare applicazioni non ufficiali scaricabili da negozi virtuali; non condividere o aprire messaggi sospetti; utilizzare un sistema di sicurezza che blocca il malware e i siti fraudolenti”. Inoltre – se possibile – sarebbe utile segnalare la truffa a WhatsApp. In questo modo, i moderatori di Zuckerberg potranno bloccare quasi immediatamente questi messaggi di pishing, evitando il coinvolgimento di un gran numero di utenti.

Articoli correlati

4 Commenti

  1. Pingback: Whatsapp, attenti alla nuova truffa: 100 euro di multa per "connessioni online illegali"

  2. fiorella said:

    Ho partecipato al concorso Eurospin per buoni spesa in regalo, letto su Facebook. C’erano anche dei commenti di persone che raccontavano di aver ricevuto il buono spesa tramite mail e che non era una truffa. Come è possibile che queste persone dichiarino il falso pubblicamente a danno degli altri senza essere puniti?

*

Top