Lazio: stanchezza e Di Bello condannano i biancocelesti

Una serata storta, con la benzina nella gambe dei biancocelesti che è ormai terminata. Una Lazio poco lucida perde con l’Inter e saluta così, con una sconfitta, i propri tifosi.

Un ko ininfluente ai fini della classifica, visto che l’Europa League (direttamente alla fase ai gironi) è stata raggiunta da un bel po’. Anche se ora i biancocelesti dovranno fare bottino pieno a Crotone per garantirsi il quarto posto.

Dispiace sempre veder perdere la Lazio, soprattutto dopo una stagione così importante, giocata ad altissimi livelli. Ma il calo fisico era anche inevitabile e dopo aver raggiunto l’Europa, non si possono nemmeno troppo biasimare i giocatori che hanno allentato la presa.

Si può biasimare eccome l’arbitro Di Bello, che è riuscito a sbagliare l’impossibile in una partita praticamente inutile, di fine campionato e senza alcuna tensione in campo. Naturalmente penalizzando la Lazio. Non fischiando due rigori e buttando fuori Keita per simulazione (doppio giallo), in occasione proprio di uno dei due penalty non concessi (espulso anche Lulic). Di Bello, il famoso di Bello che in occasione dell’ultimo derby, da arbitro di porta, segnaló il rigore ad Orsato per il clamoroso tuffo simulatorio di Strootman, che costó poi due giornate di squalifica all’olandese.

Una direzione di gara a dir poco insufficiente quella di ieri, con i telecronisti di Sky che nemmeno sono riusciti ad ammetterlo.

Nessun alibi, la Lazio, forse già in vacanza dopo una grande stagione, ha giocato davvero male. Ma si spera che Di Bello non si avvicini mai più ai biancocelesti.

Articoli correlati

Un Commento

  1. spadino said:

    Sarebbe veramente il momento di farsi sentire!
    Lotito che, capisco, ha anche altri pensieri in Lega B, dovrebbe alzare la voce in modo risolutivo e netto!
    Ora basta! Sicuramente la Lazio merita il posto che occupa ma è innegabile che al netto di qualche favore ricevuto, mancano almeno 6-7 punti. Tralasciamo il trattamento che riceve dai media……questo è un’altro discorso!
    FORZA LAZIO SEMPRE

*

Top