Ryanair: il low cost adesso anche per i viaggi intercontinentali

ryanair

Ryanair ha spiccato il volo, in tutti i sensi. Dopo aver messo all’angolo Lufthansa spodestandola dalla prima piazza in Europa, dopo aver maltrattato Alitalia, la compagnia low cost decolla verso i voli trans-oceanici.

Ryanair in questo modo consolida un trend ormai accertato, aperto tra le primissime dalla Norwegian: anche le compagnie low-cost, che tradizionalmente hanno attirato pubblico sul medio raggio, stanno puntando forte sui voli intercontinentali.

Per il suo salto oltreoceano, Ryanair ha scelto l’alleanza siglata ieri con Air Europa, il vettore spagnolo con base a Madrid, che copre 20 rotte, una verso Israele (Tel Aviv) e le altre 19 verso l’America. In questo modo i 120 milioni di clienti attuali di Ryanair potranno prenotare direttamente dal sito del vettore un viaggio a prezzi concorrenziali da una qualunque delle 85 basi europee verso il Nuovo Mondo. Le città servite saranno: Boston, Miami, New York (Jfk), Buenos Aires, Santa Cruz, Salvador, San Paolo, Bogotà, l’Avana, Punta Cana, Santo Domingo, Guayaquil, San Pedro Sula, Cancun, Asuncion, Lima, San Juan, Montevideo, Caracas.

E’ una rivoluzione che allarga gli orizzonti di Michael O’Leary, l’istrionico manager alla guida della compagnia, che per anni aveva accarezzato l’idea di metter su una flotta per il lungo raggio con la livrea gialla e blu. Ma i costi altissimi di questa ipotetica nuova strategia, che avrebbe significato un cambio di filosofia e l’acquisto e la manutenzione di aerei di lungo raggio, hanno portato i vertici di Ryanair a cambiare idea e a bussare alla porta delle alleanze. E il lungo raggio è l’occasione per attirare nuovi clienti e convincere quelli che già oggi utilizzano le compagnie tradizionali a salire sugli aerei dei due alleati. Alla fine del 2017 i voli Ryanair permetteranno la connessione, attraverso l’hub di Madrid, degli operativi a lungo raggio di Air Europa. Ma nel corso dell’anno anche Norwegian e Aer Lingus potrebbero diventare parte del network immaginato da O’Leary che in Italia punta ai voli in connessione da Fiumicino.

*

Top