Cosa succederebbe se i proverbi diventassero delle pubblicità?

Proverbi

Fm – Visual Designer ha preso i proverbi più celebri e ad ognuno di loro ha attribuito un marchio. I risultati sono sorprendenti ed esilaranti.

I giochi di parole applicati ai proverbi: questo è stato fatto da Fm – Visual Designer bissando il fortunato esperimento rappresentato da “Cantanti feat. Brand”, una dimostrazione di creatività che è consistita nel mostrare come sarebbero i nomi di personaggi famosi se fossero quelli di alcuni marchi.

Adesso si passa ai proverbi, manipolati e brandizzati, che diventerebbero a tutti gli effetti delle ottime campagne pubblicitarie, se solo i marchi fossero consenzienti.

Il progetto – precisa l’autore a scanso di equivoci su Facebook – è stato creato con il solo scopo di divertire, senza lucro alcuno”. E si dice diposto, qualora qualche brand lo contattasse, a rimuovere dalla pagina i contenuti potenzialmente indesiderati.

Nel frattempo ci godiamo questa curiosa gallery che spazia da “Zalando s’impara” a “Da Coca nasce Cola”, passando per “Chi dorme non piglia Pepsi” e “Buon sangue non Mentos”.

Ci vuole una predisposizione mentale particolare per partorire “Tra moglie e marito, non mettere il Nikon”, “Chi va con lo Zippo impara a zoppicare” ed “Anno nuovo Visa nuova”.

Anche “Meglio tardi che Skype” è geniale, e non è da meno “Chi è causa del suo mal pianga Nepresso” e “Chi fa da sè fa Nestlè”.

“Inutile piangere sul latte Versace”, a dir la verità, per i romani non è un inedito assoluto, ma vi assicuriamo che tutti gli altri proverbi brandizzati sono delle primizie assolute, e vi consigliamo di dare una sbirciatina alla pagina Facebook di Fm – Visual Designer.

Vogliamo però concludere con un pruriginoso “Tira di più un pelo di Fiat che un carro di buoi”, invitando il lettore ad indovinare la parola sostituita….

 

 

Articoli correlati

Un Commento

  1. Pingback: Free Teen Chat

*

Top