Londra: è un tifoso del Millwall, l’uomo che ha affrontato i terroristi

Millwall

Chi conosce la tifoseria del Millwall sa perfettamente di che pasta sia fatto Roy Larner, 47enne londinese ora in ospedale.

Di peggio non potevano incontrare, i 3 terroristi che a Londra volevano provocare l’ennesima strage. Tra il loro proposito sanguinario e la carneficina si è messo Roy Larner, probabilmente un “bushwacker” del Millwall, la tifoseria calcistica più violenta ed odiata di tutta la Gran Bretagna.

Era a cena in un ristorante della City, conversando tranquillamente con gli amici, quando il gruppetto di attentatori ha iniziato ad aggredire i passanti a colpi di coltello. Urlavano e inneggiavano ad Allah, cantavano “Islam, Islam” e pensavano di avere la meglio sulla folla spaventata e disorientata.

Ma avevano fatto male i calcoli, e se ne sono accorti quando Larner, invece di scappare, li ha aggrediti dopo aver urlato forte e chiaro: “F******, io sono del Millwall”. Ne è nato un parapiglia fatto di pugni da una parte e colpi di lama che hanno raggiunto l’uomo per 8 volte alla mani, al petto e al collo.

Il suo gesto ha consentito agli altri clienti e ai membri dello staff del ristorante di mettersi in salvo, ma allo stesso tempo da sabato Roy è confinato in un letto d’ospedale. A raccontare tutta la storia sono stati i suoi amici, che ora richiedono per lui la George Cross, la più alta onorificenza civile di Gran Bretagna.

Per chi conosce la tifoseria del Millwall (ed in particolare la storia del “Millwall Brick”, il Mattone Millwall) ed ha letto alcuni passi del libro di John King Fedeli alla tribù, non sarà difficile inquadrare il soggetto, abituato in passato a corpo a corpo decisamente analoghi.

In cui di certo le persone non impugnavano gessetti colorati.

Articoli correlati

Top