In alcune fasi del sonno è possibile imparare nozioni

Imparare

Ovviamente non ci riferiamo all’atto di imparare la lezione per il giorno dopo con il libro sotto al cuscino, ma a qualcosa di un po’ più scientifico.

Imparare nel sonno, attività priva di fatiche sognata da tutti noi, è possibile ma solo nelle fasi in cui si formano i nuovi ricordi. Lo dimostra uno studio condotto da un gruppo di ricercatori francesi con a capo la Scuola Normale Superiore di Parigi. I risultati sono stati pubblicati su Nature Communications.

Sonno e memoria sono profondamente legati, ma non è ancora chiaro come il sonno organizza i ricordi. Studi fatti in passato sulla possibilità di apprendere nel sonno hanno prodotto risultati contrastanti. Queste discrepanze, secondo i ricercatori francesi, sono dovute al fatto che le diverse fasi del sonno sono caratterizzate da diversi tipi di attività cerebrale, per cui in alcune è possibile imparare e in altre no. Per verificare questa ipotesi, gli autori dello studio hanno sottoposto alcuni soggetti a un test, nel quale i partecipanti sono stati fatti addormentare e, durante il sonno, sottoposti a sequenze di suoni; al risveglio è stato chiesto loro di riconoscere i suoni ascoltati. I risultati del test hanno confermato che l’apprendimento avviene solo in alcune fasi del sonno.

Il sonno non è costante, ma costituito da cicli in cui si alternano due fasi: REM, accompagnata da sogni e caratterizzata da movimenti rapidi degli occhi e NREM, non legata al movimento rapido degli occhi e composta a sua volta da diversi stadi in cui il sonno diventa via via più profondo.

Lo studio dimostra che è possibile apprendere in primo luogo nella fase Rem, ma anche successivamente. I ricercatori hanno infatti potuto constatare una nitida distinzione tra il sonno NREM leggero, durante il quale l’apprendimento è ancora possibile, e il sonno profondo NREM durante il quale l’apprendimento è inibito.

Articoli correlati

*

Top