La vera novità che rende la piattaforma unica nel suo genere, raccontano gli ideatori, è che offre allo studente la possibilità di accedere al suo mondo scolastico personale, può infatti scegliere la propria scuola, consultare la classe, e trovare la lista dei libri di testo adottati dagli insegnanti.

Anche la scuola pubblica, piano piano, si sta adeguando allo stato di avanzamento di alcuni isituti privati dove il tablet è diventato la norma. Una vecchia circolare del Miur da poco ripubblicata sostiene che “il peso eccessivo dello zainetto è causa di disagio fisico, che influisce sulla postura, sull’equilibrio, sulla deambulazione”, raccomandando al tempo stesso che non venga superato per il suo contenuto il 15% del peso corporeo dello studente. Anche il Bambin Gesù si è espresso in meteria, sostenendo che 5 kg sono il limite massimo di peso tollerabile dalla schiena di ogni ragazzo.

In attesa di questo passo in avanti, constatiamo comunque con piacere come l’innovazione tecnologica venga usata al servizio della salute dei più giovani.