Taormina: il sindaco vieta ai camerieri “buttadentro” di mettersi sui marciapiedi

Un’ordinanza del primo cittadino di Taormina inibisce di calpestare il suolo pubblico dopo una rissa tra il personale di due locali.

Marciapiedi “off limits” nel centro storico di Taormina per i camerieri di ristoranti e pub. Un’ordinanza del sindaco Eligio Giardina vieta infatti al personale delle attività di ristorazione di quest’area di superare i limiti del suolo pubblico concesso. Il provvedimento scaturisce da una recente rissa che il 28 agosto ha coinvolto il personale di due rinomate attività di intrattenimento, a seguito della quale sono state sporte 7 denunce.

 

 

Ai titolari di concessione di suolo pubblico nelle vie del centro storico è stato infatti intimato di provvedere all’immediato fissaggio delle ringhiere di delimitazione del suolo concesso, lasciando un solo passaggio di un metro e sessanta quale accesso per gli avventori.

La novità più curiosa è che i titolari “dovranno provvedere a mantenere il proprio personale preposto all’accoglienza degli avventori all’interno delle aree in concessione”.

Per i trasgressori sono previste multe da 25 a 500 euro e la sospensione dell’attività per cinque giorni.

Articoli correlati

Un Commento

  1. Pingback: Sorrento, il sindaco minaccia il Daspo anche per i "buttadentro"

*

Top