Scalea (Cs): impresa di onoranze funebri organizzava funerali completamente “in nero”

funebri

C’è una certa coerenza, nell’allestire cerimonie funebri totalmente “in nero”. Ma la Guardia di Finanza non è d’accordo.

Si è scoperto che una ditta con sede nella zona della costa tirrenica del cosentino non ha mai presentato dichiarazioni fiscali dal 2012. Una cosa normale, diranno alcuni, nell’Italia del malaffare imperante. Peccato che la prassi di lavorare “in nero” sia stata adottata da un’impresa di onoranze funebri, dove il nero è purtroppo di casa.

Dei funerali che organizzava nulla rimaneva tracciato. E’ grazie a questo che dal 2012 la ditta non ha mai presentato alcuna dichiarazione fiscale, occultando ricavi per 400 mila euro ed evadendo circa centomila euro di imposte.

La scoperta è stata fatta dagli uomini del comando provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza che, grazie a controlli documentali incrociati con i dati acquisiti dalle banche informatiche in uso al Corpo, hanno individuato l’impresa che pur offrendo sul territorio servizi funerari in regime quasi monopolistico, non risulta abbia mai presentato alcuna dichiarazione fiscale nell’ultimo quinquennio.

Nel corso delle verifiche i finanzieri hanno scoperto violazioni agli adempimenti di natura amministrativa e sanitaria per le quali hanno provveduto a contestare le previste sanzioni nei confronti dei responsabili.

Articoli correlati

*

Top