Calcio: As Roma, alcune considerazioni sulle dichiarazioni di Schick

schick

Si rimane perplessi, nel leggere alcuni passi dell’intervista rilasciata da Schick. Nonostante il calciatore ceco se la sia presa con chi l’ha tradotta in italiano.

Chi ha fatto la traduzione? Non capisci un ca*** di ceco“. Così ha commentato su Instagram Patrik Schick, il giovane attaccante della Roma, la pubblicazione della traduzione di una sua intervista rilasciata al magazine ceco Reporter. Siamo convinti che invece dovrebbe ringraziarlo, perchè secondo altri avrebbe detto lo stesso cose gravi.

Ma andiamo con ordine: Schick, nella parte finale dell’intervista, alla scontata domanda sulla situazione a Roma ha risposto altrettanto scontatamente che era tutto veramente idilliaco, dalla struttura di Trigoria al personale che ci lavora, fisioterapisti e nutrizionisti inclusi.

Le note dolenti sono arrivate quando gli è stato chiesto in merito al suo futuro. La traduzione della risposta che è stata data in pasto ai tifosi romanisti è stata: “l’aspirazione di poter giocare in club sempre più importanti, dove posso essere pagato di più, valorizzato, mi ha sempre aiutato molto. Dove? Sono pochi i club migliori della Roma. Non credo di poter andare molto più in alto di così. Ma forse restano un paio di club… diciamo Real Madrid, Barcellona o Manchester United”.

Altri commentatori giurano invece che il giocatore ceco abbia replicato alla domanda con queste parole: “spero di potermi trasferire tra qualche anno in un club ancora migliore dove sarò ovviamente pagato ancora meglio, è una motivazione che mi ha sempre aiutato molto. Dove? Non credo di poter andare molto più in alto di così. Ma forse restano un paio di club… Diciamo Real Madrid, Barcellona o Manchester United”.

Ora, qualsiasi cosa abbia detto Schick, pensiamo che nella sua situazione la cosa migliore da scegliere sarebbe mantenere un cauto silenzio, da subito. Anzichè fantasticare sul suo futuro, farebbe bene a concentrarsi sul presente, dal momento che fino ad adesso ha dimostrato veramente ben poco, per colpa soprattutto di cause prettamente fisiche.

In tempi non sospetti parlavamo del suo innaturale attaccamento al denaro, e con queste dichiarazioni ha fatto tutto tranne che smentirci. Attendiamo allora il momento in cui, con i fatti, ci faccia ricredere ed accantonare le impressioni negative che ci ha trasmesso.

Articoli correlati

*

Top