L’ultima iniziativa di Tripadvisor contro molestie e discriminazioni. Un potenziale boomerang?

tripadvisor

Su Tripadvisor, oltre alle consuete recensioni dei clienti, apparirà una banda rossa nelle pagine di quelle strutture in cui sono avvenuti episodi discutibili.

Un’arma a doppio taglio, quella che Tripadvisor ha deciso di creare ed immettere nel proprio portale. Alle seguitissime recensioni che attualmente il sito pubblica, verrà affiancata anche l’indicazione degli hotel teatro di presunte molestie.

Essa consisterà in un messaggio inserito in una banda rossa in cui si dice che “Tripadvisor è venuto a conoscenza di recenti eventi o notizie diffuse dai media riguardanti questa struttura”, consigliando allo stesso tempo di “cercare ulteriori informazioni su questa struttura se si sta organizzando un viaggio”.

Tutto è partito dalla rimozione di un post-denuncia di una turista americana, Kristie Love, che aveva denunciato la cancellazione da parte di Tripadvisor di una sua recensione del 2010 per il Paraiso Maya, in Messico, nella quale denunciava lo stupro subito da parte di un agente di sicurezza.

Tripadvisor si è dovuto scusare pubblicamente per il caso della 35enne di Dallas, spiegando a sua difesa che il portale ha provveduto a cancellare il commento a causa dell’utilizzo di un linguaggio inappropriato.

L’episodio ha spinto Tripadvisor a “rendere le informazioni sempre più trasparenti per i visitatori” per tutelare i suoi oltre 120 milioni di iscritti. “Questi bollini rimarranno sul sito per tre mesi”, ha spiegato un portavoce di Tripadvisor, Kevin Carter. Se il problema persiste “potranno durare più a lungo. Ovviamente non sono pensati per essere punitivi nei confronti delle strutture, ma informativi. Vogliamo che i consumatori vedano recensioni positive e negative del luogo che stanno valutando”.

Un rischio bello e buono, quello che sta correndo Tripadvisor, con la creazione di un’arma che potrebbe essere utilizzata contro la struttura ricettiva stessa, se impiegata senza i dovuti controlli. Il bollino rosso rappresenterebbe dunque in futuro sia uno strumento di garanzia sia un marchio infamante capace di tenere lontani migliaia di turisti, se le verifiche non saranno condotte in maniera soddisfacente appoggiandosi esclusivamente alle notizie diffuse dai media.

Articoli correlati

*

Top