Budapest: inaugurata la prima statua in onore di Bud Spencer

bud spencer

Snobbato in patria, Bud Spencer viene celebrato degnamente in Ungheria con un monumento posto nel centro della città.

Che l’apprezzamento per le opere cinematografiche di Carlo Pedersoli (in arte Bud Spencer) non conoscessero confini geografici, lo si era capito in occasione della sua morte, avvenuta il 27 giugno di un anno fa, quando commenti commossi arrivarono da tutto il mondo.

Come se non bastasse ecco l’inaugurazione di una statua che lo ritrae, posta nei pressi della fermata Corvin-Negyed a Budapest. Chi lo ha voluto fortemente lo ha definito “il primo monumento al mondo” dedicato al grande interprete, ed ha assolutamente ragione.

Qui da noi, nonostante ogni settimana nelle tv generaliste passi almeno un film di Bud Spencer (seguitissimo, secondo i dati Auditel), non si è minimamente pensato ad omaggiarlo con qualcosa di simile.

Ma perchè proprio in Ungheria è stata eretta una statua a lui dedicata? E’ presto detto: nel paese dell’est Europa Bud Spencer è un personaggio di culto. Sotto il regime comunista negli Anni ‘60 e ‘70, rappresentava di rimbalzo un simbolo di libertà accessibile, mentre i film western Usa originali erano censurati.

All’inaugurazione erano presenti il sindaco della città, Máté Kocsis, ed alcuni membri della famiglia di Carlo Pedersoli . La statua, totalmente in bronzo ed alta 2 metri e trenta, è stata progettata dalla scultrice Szandra Tasnádi, la quale si definisce “una grande fan” di Bud.

Sulla base della statua una frase di Terence Hill, suo partner cinematografico per tanti anni, che recita: “mi sohasem veszekedtunk”, che sta a significare “non abbiamo mai litigato”.

 

Articoli correlati

*

Top