Volley: il francesce dell’Azimut Modena Ngapeth ci ricasca

ngapeth

Ngapeth è stato fermato per guida in stato di ebbrezza dopo aver trascorso la serata nello stesso locale da cui uscì due anni fa, quando investì tre persone.

Colpevolmentente recidivo, il 26enne pallavolista dell’Azimut Modena Earvin Ngapeth. Lo schiacciatore francesce, infatti, si è visto ritirare una settimana fa la patente e sequestrare il veicolo che guidava in stato di ebbrezza dopo essere stato fermato dalla polizia stradale della città emiliana, che ha riscontrato in lui un tasso alcolemico di quasi quattro volte superiore al consentito.

Fin qui nulla di pericolosamente grave, se non fosse che Ngapeth era uscito dallo stesso locale in cui aveva trascorso una serata esattamente due anni fa, quando sempre in stato di ebbrezza investì tre persone senza fermarsi. In quell’occasione non ci furono feriti gravi e fortunatamente non si ebbero conseguenze permanenti per nessuno di loro.

Quell’episodio fu aggravato dal fatto che il pallavolista si costituì solo quattro giorni dopo, al ritorno dalla Francia dove vive suo figlio. Un dettaglio penalmente rilevante, del quale Ngapeth dovrà rispondere in Tribunale il prossimo 28 Marzo, quando gli verranno contestate le accuse di lesioni colpose e omissione di soccorso.

L’episodio di una settimana fa poi non deporrà certamente a suo favore, e stavolta non basterà l’opera riparatrice di Catia Pedrini, presidentessa del Modena volley (squadra attualmente terza nella serie A1 maschile), che nel 2015 si era spesa in prima persona per aiutare il ragazzo. Non giustificandolo, ma dandogli la chance di riscattarsi in campo.

Articoli correlati

*

Top