As Roma, “mister Champions League” Perotti rinnova fino al 2021

roma

L’artefice principale dei successi di questa edizione del massimo torneo continentale prolunga il contratto con la Roma.

Prima il gol in extremis contro il Genoa che ha consentito alla Roma di accedere direttamente alla Champions League, poi la rete della vittoria contro il Qarabag con la quale la compagine capitolina è sbarcata agli ottavi di finale della vecchia Coppa dei Campioni: diciamocelo francamente, Diego Perotti se lo meritava, un trattamento economico un tantino superiore alla media, non fosse altro per il denaro che per merito suo è entrato nelle casse della società giallorossa.

Facendo i conti in tasca alla Roma, si evince che come minimo il contributo di Perotti abbia fruttato circa 50 milioni tra premi, diritti tv, incassi e sponsorizzazioni supplementari. Un gruzzolo niente male, alla vigilia della finestra di mercato di gennaio in cui si spera venga acquistato (dopo l’infortunio di Karsdorp, la ventilata partenza di Bruno Peres, ed un Florenzi perennemente fuori ruolo) un esterno destro basso di qualità.

“Mi sono sempre sentito nel posto giusto e importante qui alla Roma – ha dichiarato il calciatore argentino – adesso aver firmato questo rinnovo mi rende davvero molto felice. Roma mi piace molto, ci sto bene. Fino almeno al 2021 sarò qui, sono davvero contento”.

Un prolungamento che segue a ruota quello di Manolas, altra pedina importante nello scacchiere romanista, che fa ben sperare nel prosieguo della stagione che finalmente verrà affrontata con una panchina lunga e lontani dalle polemiche che hanno visto l’anno scorso minare il cammino della squadra giallorossa.

A fare da contorno al buon rendimento in Campionato ed in Coppa c’è la felice conclusione della Conferenza dei Servizi sul nuovo stadio della Roma che ha decretato l’accoglimento del suo progetto finale. Come un effetto domino, a breve inizierà la migrazione (mal digerita da qualcuno) del reparto amministrativo della società da Trigoria all’Eur, propedeutico al trasferimento dell’intera baracca a Tor di Valle, dove tra due anni e mezzo si spera sarà completato il nuovo, bellissimo impianto che ospiterà le gare casalinghe dell’As Roma.

Articoli correlati

*

Top