“The Assassination of Gianni Versace”, la famiglia dello stilista non ci sta

versace

La famiglia Versace bolla come “non autorizzata” la serie tv in onda tra pochi giorni anche in Italia su FoxCrime.

Un giudizio tranchant, quello dei parenti di Gianni Versace, il famoso stilista ed imprenditore assassinato a Miami più di 20 anni fa. “La famiglia Versace non ha autorizzato né ha avuto alcun coinvolgimento nella serie televisiva dedicata alla morte di Gianni Versace. Dato che Versace non ha autorizzato il libro da cui è parzialmente tratta, e non ha preso parte alla stesura della sceneggiatura, questa serie televisiva deve essere considerata un’opera di finzione”: questa è la dichiarazione sulla serie tv American Crime Story, “The Assassination of Gianni Versace”, in onda in Usa il 17 gennaio ed il 19 dello stesso mese in Italia dove si potrà vedere in esclusiva su FoxCrime (canale 116 di Sky).

La serie televisiva da cui la famiglia Versace ha preso le distanze è stata girata da Ryan Murphy ed è basata sul controverso libro della giornalista di Vanity Fair Maureen Orth, il cui titolo è Vulgar Favors. La serie è una delle più attese della prossima stagione, anche per il cast stellare che comprende assieme all’attrice spagnola Penelope Cruz (che veste i panni di Donatella Versace), Edgar Ramirez (nel ruolo di Gianni) e Ricky Martin in quello di Antonio D’Amico, compagno dello stilista.

Articoli correlati

*

Top