Possiede una Lamborghini, la usa per fare il pendolare

lamborghini

Ha macinato la bellezza di ben 480mila km, la Lamborghini Murcielago del 2004 dell’inglese Simon George.

Non è da tutti possedere una Lamborghini fiammante ed usarla per i lunghi e frequentissimi spostamenti propri di un pendolare. Se poi la supercar in questione è tenuta in maniera impeccabile, quasi maniacale nonostante il suo utilizzo intensivo, capiamo come il suo proprietario rappresenti un vero e proprio unicuum.

A dispetto di chi sostiene che un’auto sportiva non può certo essere il mezzo ideale per i pendolari (non solo per quanto riguarda gli alti costi di acquisto e di gestione, ma anche per il problematico rapporto con gli altri automobilisti) c’è una smentita clamorosa proveniente da una notizia che arriva dall’oltremanica.

Un appassionato di vetture ad alte prestazioni, il giornalista Simon George, ha infatti acquistato una Lamborghini Murcielago V12 6.2 prima serie del 2004 di seconda mano, che al momento della transazione figurava con 60mila chilometri sul totalizzatore. Oggi quella stessa splendida supercar, targata SG54 LAM, vanta l’incredibile (per una vettura di questo tipo) chilometraggio totale di 480mila km, effetto anche dei 300 chilometri che Simon George percorre quotidianamente come pendolare.

L’auto, riferisce PistonHeads, non ha mai avuto sostanziali problemi meccanici (anche se è stata incidentata per un’uscita di strada nel 2012) e l’intervento più costoso (1.700 euro circa) è stato il rifacimento della frizione nel 2007. Naturalmente l’appassionato britannico gestisce la sua Murcielago con grande scrupolo e ricorre ove possibile al mondo dei ricambi di seconda mano, come nel caso di una delle due cinture di sicurezza che è stata recuperata per pochi euro da una Fiat Cinquecento.

Arrivare sul posto di lavoro con una Lamborghini, c’è da giurarci, rende meno faticoso il dispendio di energie durante qualsiasi attività.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Pingback: Censorship Resistance

  2. Pingback: ibine sarp

  3. Pingback: got sarp

*

Top