La zanzara che porta febbre gialla e Zika si avvicina all’Europa

zanzara

L’Ecdc (Centro Europeo per il Controllo delle Malattie) invita i Paesi del Vecchio Continente ad attrezzarsi per contrastare l’Aedes aegypti.

L’Ecdc lancia l’allarme e invita i Paesi europei a rafforzare la sorveglianza sulla temibile zanzara Aedes aegypti, portatrice di diverse malattie tropicali da Zika alla febbre gialla, ormai alle porte del continente.

Dal 2007, scrivono gli esperti, la specie vive stabilmente a Madeira, intorno al Mar Nero e sulla costa turca. Nel 2017 è tornata in Egitto, e la Spagna ha segnalato alcuni ritrovamenti nelle Canarie. “Se non saranno prese misure – avvertono gli esperti – la zanzara si diffonderà con molta probabilità nelle aree estreme dell’Europa, che potrebbero diventare un serbatoio per l’introduzione dei vettori nel continente. Questo aumenterebbe il rischio di focolai locali di virus”. La aegypti, ricorda l’Ecdc, è stata endemica nell’Europa meridionale fino a metà del ‘900, e le condizioni climatiche europee permettono una proliferazione in caso di reintroduzione.

L’allerta zanzare riporta in campo il tema malaria che, nonostante i progressi della medicina, provoca 212 mln di nuovi casi l’anno, 429mila decessi nel 2015 e la morte di un bambino ogni due minuti. La malattia resta una delle piaghe più devastanti per l’umanità, ma nonostante l’enorme numero di persone colpite i finanziamenti per la ricerca in questo campo restano bassissimi.

Solo l’1% di tutti i finanziamenti per la Ricerca e lo Sviluppo in campo sanitario è infatti destinato a malaria e tubercolosi, nonostante rappresentino oltre il 12,5% del carico globale di malattia, ovvero sono tra le malattie che più pesantemente incidono sui livelli di salute nel mondo.

Le disuguaglianze nel settore della ricerca sulla salute non finiscono qui. Ad esempio i Paesi ad alto reddito hanno in media 40 volte più ricercatori sanitari rispetto ai Paesi a basso reddito. Sono alcuni dei numeri dell’Osservatorio Globale sulla Ricerca & Sviluppo in campo sanitario, piattaforma dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), pensato per raccogliere informazioni sul tema in modo da aiutare governi, finanziatori e ricercatori a prendere le decisioni migliori.

Articoli correlati

*

Top