Musica: un mare di debiti per la Gibson, produttrice delle chitarre più famose del mondo

gibson

La Gibson, fondata nel lontano 1894, rischia la bancarotta. Suoi gli strumenti a 6 corde che hanno segnato la storia del rock.

Sono state imbracciate dalle leggende della musica, strumento di ispirazione per brani che hanno fatto la storia. Ma ora quel marchio sulle loro palette rischia il default. La Gibson, tra i produttori di chitarre più famosi al mondo, è sommersa dai debiti e rischia la bancarotta. E’ quanto emerge da un comunicato diffuso su Businesswire e dall’analisi del NashvillePost, la gazzetta della capitale del Tennessee, sede del produttore e per questo uno dei luoghi di culto per gli amanti della sei corde.

E’ allarme, dunque, per il brand che da decenni ha segnato il suono dei dischi dei Led Zeppelin, Santana e B.B. King fino ai più recenti Guns’n’Roses, Ac/Dc e Foo Fighters.

Secondo il Nashvillepost, la situazione finanziaria della Gibson, che “fattura più di un miliardo di dollari l’anno” è “tutt’altro che normale”. Nonostante la Gibson Brands Inc. abbia annunciato qualche giorno fa che la società avesse effettuato un pagamento di 16,6 milioni di dollari ai possessori delle sue obbligazioni, il marchio non naviga un buone acque. Anzi. Il debito, secondo quanto riferiscono i media americani, sarebbe di 375 milioni di dollari da versare entro il prossimo 23 luglio. Una data oltre la quale la Gibson rischierebbe un ulteriore aggravio di 145 milioni.

La Gibson, fondata nel 1894, ha un portafoglio di oltre cento marchi ben noti. Tra gli altri brand acquisiti nel tempo ci sono Epiphone, Dobro, Valley Arts, Kramer, Steinberger e Maestro, ma anche marchi audio come il celebre Cakewalk.

Le sue chitarre più famose sono i modelli Les Paul (nata nel 1952, porta il nome del suo inventore), ES-335 (nata nel 1958) ed SG “diavoletto” (nata nel 1961), tutti ancora oggi in produzione e con decine di varianti, feticcio per i collezionisti.

Le Gibson hanno dato il suono alle idee di migliaia di chitarristi: dai padri del rock come Jimmy Page dei Led Zeppelin e Pete Townshend degli Who agli sperimentatori come Robert Fripp, fondatore dei King Crimson. La chitarra è stata suonata in alcuni dischi anche dai funamboli della Stratocaster della Fender, storico marchio antagonista della Gibson. Tra questi ultimi: Mark Knopfler, Eric Clapton e David Gilmour dei Pink Floyd.

Articoli correlati

*

Top