In un prossimo futuro una “malattia X” potrà scatenare un’epidemia?

malattia

L’Oms ne è convinta, tanto da includere una malattia ancora sconosciuta tra le patologie infettive per cui non ci sono armi.

Sebbene non si sia ancora manifestata, la “malattia X” mette già paura agli esperti di tutto il mondo. Nella lista dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) riguardante le patologie che sono potenzialmente pandemiche e per cui mancano ancora armi di contrasto, c’è infatti per la prima volta anche una “disease X”, una malattia ancora sconosciuta ma capace di provocare milioni di casi e di morti nel mondo.

Nell’elenco che ogni anno viene aggiornato compaiono nomi noti come Ebola e Marburg, Zika, febbre Lassa, febbre emorragica Congo-Crimea, Sars e Mers, Nipah e febbre della Rift Valley, patologie che portano alla morte e per le quali non esistono cure o vaccini efficaci.

All’ultimo posto, poi, appare “disease X”. “Con questo termine – scrivono i medici che hanno elaborato la lista – vogliamo rappresentare che una seria epidemia internazionale può essere causata da un patogeno di cui al momento non conosciamo la capacità di causare malattie nell’uomo, e quindi la ricerca deve cercare di mettere in campo una preparazione “trasversale” in grado di essere rilevante anche per una patologia sconosciuta”.

I ricercatori sono a conoscenza che la prossima minaccia potrebbe venire da un virus o un batterio sconosciuto, tanto che è appena stato creato il Global Virome Project, una rete di ricercatori che in dieci anni vuole mappare il Dna di tutti i virus esistenti. Secondo le stime del progetto esistono 1,67 mln di virus nel mondo, di cui solo lo 0,1% è conosciuto, e tra questi tra i 631mila e gli 827mila potrebbero avere la capacità di infettare l’uomo.

Articoli correlati

*

Top